SCHNEIDER ELECTRIC: LA SINERGIA… NELL’ENERGIA


In un’ottica d’integrazione d’offerta che sottolinea la capacità del gruppo di risolvere il “dilemma energetico” dei propri clienti, la società lancia sul mercato una rivoluzionaria piattaforma per gestire i data center

 

Essere il “gestore globale dell’energia” per le aziende clienti: un obiettivo che Schneider Electric (www.schneiderelectric.it) persegue in tutti gli ambiti di attività e di mercato, con l’intenzione di fornire soluzioni software, strumenti di gestione e servizi di consulenza alle realtà che desiderano ridurre i loro costi energetici.

A ribadirlo è Fabrizio Landini, vice president della divisione IT di Schneider Electric Italia, spiegando come la società abbia puntato le proprie carte sull’innovativo concetto di “Ecostruxure”, un’architettura che congloba i vari campi in cui si esplica la propria attività di gestione (data center, energia, processi, sicurezza ed edifici) al fine di ottenere sinergie e integrazioni, nonché aumentare la facilità d’utilizzo per la clientela e ridurre i suoi costi, tramite comuni tecnologie di connessione.

Il tutto «per aiutare i clienti a risolvere il loro “dilemma energetico”, cioè ottenere l’energia necessaria e ridurre nel contempo le emissioni inquinanti, così da rendere l’energia sicura, affidabile, efficiente, produttiva e sostenibile», afferma Landini.

Un approccio verso il mercato che prevede perciò soluzioni integrate e armonizzazioni all’interno dell’offerta del gruppo, in cui s’inserisce la gamma di soluzioni APC by Schneider Electric (www.apc.com/it) con la soluzione integrata Infrastruxure, l’innovativa architettura che integra completamente alimentazione, raffreddamento, gestione e servizi all’interno di un data center, che continua a essere il «focus per la società», ha specificato Landini.

Un data center che nelle intenzioni dell’azienda diviene sempre più business-wise, poiché guida le scelte dei manager IT a beneficio del business, e future-driven, dato che può adattarsi nel tempo alle necessità aziendali.

Leggi anche:  AirTag, un altro gioiellino di design da parte di Apple

E per rimarcare il senso della propria mission, ecco che la società ha presentato Struxureware Operations 7.0, piattaforma software di livello enterprise per gestire le infrastrutture dei data center. Una soluzione «davvero rivoluzionaria», sottolinea  Massimo Galbiati, senior datacenter consultant & technical director della divisione IT di Schneider Electric Italia in un segmento «in cui si concentra il 72% del consumo mondiale di energia» e nel quale quindi è fondamentale conseguire un adeguato risparmio energetico.

Da qui la necessità di ottenere dei data center efficienti, spiega Galbiati, e poiché tali strutture sono oggi sottoposte alle innumerevoli pressioni causate dalla pianificazione e dalle operazioni, ecco che occorre modificare il modo di gestirle, dando agli IT manager gli strumenti per farlo.

Strumenti come la nuova suite, che offre funzionalità di raccolta dati, monitoraggio, automazione, pianificazione e implementazione, così da consentire un “monitoring & management” completo e una visione olistica del data center.

Funzionalità che consentono per esempio, illustra Galbiati, l’analisi in 3D dei flussi d’aria e delle temperature, anche con possibili ipotesi previsionali e scenari preventivi, e il dialogo fra due mondi, come il Server Management e il Physical Management, che sinora non agivano in modo sinergico.