Virtual desktop. La postazione di lavoro del futuro

Alberto Degradi, infrastructure architecture leader Borderless Network e Data Center di Cisco ItaliaVirtualizzare lo spazio di lavoro è essenziale nell’era della mobilità e del “bring your own device”

 

La diffusione di aziende globali con uffici distribuiti in molteplici paesi, ciascuno con le proprie esigenze e budget IT, ha generato un graduale consolidamento dei servizi e la centralizzazione dell’IT.

L’esigenza di fornire soluzioni IT flessibili, agili, sicure e – soprattutto – competitive ha determinato numerose trasformazioni nel data center: tra queste, la virtualizzazione del desktop che garantisce un unico punto centrale di amministrazione, migliore gestione e controllo e attività di supporto più efficienti.

Il cambiamento del modo di lavorare, l’esigenza di essere più flessibili, la necessità di lavorare in mobilità e di accedere alle informazioni attraverso molteplici dispositivi, impongono nuove modalità con cui concepire lo spazio di lavoro e di conseguenza i servizi IT. La virtualizzazione dei servizi desktop non solo risponde alle esigenze di un’azienda moderna e agile, ma trasforma i vecchi problemi in opportunità, rendendo il business più fluido ed efficiente. Centralizzando l’ambiente desktop, attività come installazione, applicazione di patch ed esecuzione di aggiornamenti su migliaia di dispositivi diventano operazioni semplici da gestire e garantiscono l’erogazione di un servizio efficiente e puntuale.

 

Virtual Desktop Infrastructure

 La Virtual Desktop Infrastructure (VDI) sta rapidamente diventando una delle architetture più comunemente adottate, grazie alla semplicità di utilizzo e alla sua inclusione in nuovi servizi e soluzioni. Le stime dicono che la media dei costi per la gestione di un pc (come dispositivo stand-alone) varia tra 5mila e 10mila dollari l’anno. Il costo annuale per desktop con una soluzione VDI varia tra 750 e mille e 250 dollari. Tra gli altri benefici del VDI – dovuti principalmente al controllo centralizzato – sono da ricordare: una miglior protezione dei dati dell’utente, una gestione più razionale del desktop e del servizio, migliore aderenza agli standard aziendali, business continuity e disaster recovery più rapidi. La creazione di contenuti e la loro conservazione avvengono in un data center altamente sicuro, controllato e certificato con accesso flessibile e on-demand per l’utente. I desktop virtuali richiedono minore potenza e consumo per il raffreddamento, riducendo così l’impatto ambientale e i costi di gestione complessivi.

Leggi anche:  Nuova nomina in DATA4

La soluzione VDI è inoltre ideale per la sua portabilità e disponibilità: questo è un punto fondamentale per quelle aziende con filiali, campus e sedi distaccate e per quelle realtà con un grande numero di consulenti e dipendenti che lavorano in mobilità.

Uno degli aspetti più importanti della VDI è che funziona con una grande varietà di dispositivi e sistemi operativi (iPad, Mac, Linux, pc Windows, portatili e smartphone). I differenti sistemi operativi presenti in un’azienda – insieme alle policy BYOD (bring your own device) – spesso danno vita a una gestione frammentata e la VDI può aiutare a risolvere questa problematica evolvendo facilmente, se necessario, in desktop as a service (DaaS) sfruttando l’aspetto self service e il processo di orchestrazione e automazione dell’IT in un modello cloud.

 

Sfide da affrontare

 Come sempre succede quando si adottano tecnologie emergenti, esistono alcune sfide da affrontare. Un’installazione di successo dipenderà fortemente dalla rete, in particolare non va sottovalutata l’importanza dei servizi di rete e della larghezza di banda. Sono inoltre importanti la Quality of Service e la definizione dei livelli di servizio, la profilazione accurata degli utenti e il loro coinvolgimento attivo.

Sebbene – oggi – le aziende non sentano come imperativa l’esigenza di implementare una strategia VDI, è innegabile che questa soluzione non solo è fondamentale per integrare nuove tecnologie e allineare i sistemi esistenti, ma anche per rendere disponibili più risorse e servizi in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, con la garanzia e la sicurezza di un controllo centralizzato, riducendo i costi, diminuendo le complessità e semplificando i processi.