Niente iPhone 6 in Cina: “Siamo differenti”

Nella diatriba tra Apple e governo cinese ad avere la peggio potrebbero essere gli utenti che sarebbero gli unici (o quasi) a non poter comprare l’iPhone 6 in patria

Negli anni Apple ha affrontato una serie di sfide per portare i suoi prodotti in luoghi “ostili”. La Cina è sicuramente tra questi, con il governo che non ha mai visto di buon occhio le aziende statunitensi, tanto meno quella di Cupertino. L’azienda ha specificato i paesi della prima fascia , dove i nuovi prodotti verranno commercializzati dal prossimo 19 settembre, mentre non ha spiegato quali saranno quelli inseriti nella seconda fascia, delegando i singoli Apple Store a comunicare la notizia. Ed è proprio grazie all’Apple Store Online Italia che sappiamo che il nostro paese è stato inserito nella seconda ondata di spedizioni, con pre-ordine possibile dal 26 settembre e disponibilità probabili dai primi di ottobre.

Ostaggio dei cinesi

A quanto pare, la situazione in Cina sarebbe meno grave del previsto, per i fan Apple. Già per l’ultimo iPhone 5S, il dragone rosso aveva ricevuto scorte di iPhone assieme a tutti gli altri paesi, accontentando così gli acquirenti. Una delle speculazioni maggiori sulla vicenda è che Apple si sarebbe scontrata con la decisione del governo cinese di costruire una rete 4G che supporta solo lo standard nazionale TD LTE. In questo modo verrebbero tagliati fuori i dispositivi con standard LTE globale, come quello che abbiamo in Europa, chiamato FDD LTE. Ovviamente quei telefoni funzionerebbero lo stesso in Cina ma senza il vantaggio di una connessione web di ultima generazione. Per questo il governo cinese non avrebbe concesso ad Apple il permesso di vendere l’iPhone 6 se non potrà adattarsi al nuovo standard 4G. “Il governo cinese ha preso in ostaggio l’iPhone 6 per incalzare China Unicom e China Telecom nella costruzione della loro rete TD LTE prima che il nuovo telefono Apple arrivi nel paese” – è il parere di Zhang Yuhong, giornalista di Bejing ascoltato dal Los Angeles Times.

Leggi anche:  ProGlove, la rivoluzione dell’IoT in un guanto