Andy Rubin, il papà di Android, lascia Google

Andy Rubin lascia Google per dedicarsi alla robotica

Andy Rubin, fondatore di Android ed ex numero uno del team di sviluppo dell’OS, lascia Google per dedicarsi a progetti personali di robotica

Il Wall Street Journal afferma che Andy Rubin, colui che ha curato la progettazione di Android fin dalla sua nascita, potrebbe presto lasciare Google. Con ogni probabilità la nuova nomina di Sundar Pichai a responsabile di tutta la gamma di prodotti di Mountain View lasciava poco spazio di manovra al vicepresidente della sezione ingegneria. La separazione sembra comunque sia avvenuta senza polemiche. Il CEO Larry Page, che ha svelato i segreti per vivere meglio, ha augurato a Rubin “tutto il meglio” e lo ha ringraziato per aver creato Android, decritto come “qualcosa di davvero straordinario che ora conta più di un milione di utenti soddisfatti”.

La carriera di Andy Rubin in Google

Rubin è stato dipendente di Google fino dal 2005 e insieme al suo team ha lavorato alla creazione di Android, che rimane ancora molto vulnerabile ai malware dedicati al mondo finanziario. A marzo 2013 il suo ruolo di numero uno del sistema operativo mobile è stato assunto da Pichai e Rubin è stato chiamato a supervisionare i progetti più segreti di Google, in particolare nell’ambito della robotica. Dalle voci che circolano, quando lascerà Mountain View è probabile che il padre di Android si dedicherà a progetti personali proprio in questo campo.

Leggi anche:  Tiendeo fattura 9,5 milioni di euro nel 2018, +40% rispetto al 2017