Datagate: NSA e GHCQ hanno spiato gli antivirus

Datagate: la nsa ha spiato gli antivirus

Nuovi documenti di Edward Snowden rivelano che la NSA e la GCHQ hanno monitorato le attività di 23 aziende nel settore degli antivirus

Le rivelazioni della talpa del Datagate Edward Snowden hanno dimostrato che l’occhio vigile della National Security Agency (NSA) ha monitorato praticamente ogni servizio digitale possibile. Gli ultimi documenti diffusi dall’ex contractor affermano che l’agenzia statunitense e la sua omologa britannica (GCHQ) si sono interessate anche anche agli antivirus. Nemmeno i sistemi che normalmente utilizziamo per proteggerci da virus e hacker sono immuni dallo spionaggio governativo.

La NSA ha spiato gli antivirus

Nei file diffusi da Snowden si afferma che NSA e GCHQ hanno chiesto a 23 aziende nel settore della sicurezza informativa di avere accesso continuativo ai loro software antivirus per esaminarne le vulnerabilità. Attraverso queste operazioni le due agenzie hanno potuto valutare l’efficacia dei sistemi antispionaggio e, pare, sono riuscite anche a introdursi nei server di queste aziende. Tra gli obiettivi dell’operazione “Camberdada” figurano due realtà italiane (Novirusthanks  e Tg Soft) e colossi come Avast, F-Secure e  Kaspersky Lab. Quest’ultima, che ha realizzato diversi sistemi per evitare lo spionaggio informatico, è la più citata nei documenti.

“Prodotti per la sicurezza personale come l’antivirus dell’azienda russa Kaspersky  – si legge in un file leak dell’intelligence britannica – continuano a porre una minaccia per le capacità di sorveglianza del GCHQ e una operazione di reverse engineering è indispensabile per essere in grado di penetrare tali software ed evitare che scoprano le nostre operazioni. L’esame di Kaspersky e di altri prodotti simili continua”.

I servizi di sorveglianza della NSA non si fermano però solamente agli antivirus. Gli 007 statunitensi hanno spiato anche gli utenti che visionavano pornografia in Rete e si è introdotta nei sistemi del più grande produttore di SIM al mondo. Inoltre, è di poche ore fa la notizia che gli USA hanno messo sotto controllo il governo francese già da diversi anni.

Leggi anche:  GDPR: un anno dopo