Huawei e Oxfam insieme per il progetto “Make the Link”

Huawei e Oxfam insieme per il progetto “Make the Link”
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares

Il progetto internazionale, co-finanziato dall’Unione europea e realizzato insieme a ENEA, si rivolge a insegnanti e studenti per informarli e sensibilizzarli sui temi della sostenibilità e della cittadinanza globale

Huawei e Oxfam hanno annunciato la collaborazione nell’ambito del programma formativo “Make the Link: tecnologia e scienza contro la povertà”. Il progetto vede il coinvolgimento di 70 insegnanti che attraverso attività seminariali curate da ricercatori ENEA, esperti Oxfam e una piattaforma di e-learning acquisiranno competenze e strumenti per coinvolgere e sensibilizzare gli studenti su temi chiave per il loro futuro. Make the link raggiungerà entro la fine dell’anno scolastico 2015-2016 oltre 4.000 studenti.

I temi affrontati durante il training e le successive attività in aula sono quelli della sostenibilità, dell’impatto che lo stile di vita ha sull’ambiente con l’obiettivo di fare riflettere gli studenti sulla diversa distribuzione mondiale di energia, denaro, risorse, popolazione e rischi climatici nonché stimolarli ad utilizzare le proprie abilità e competenze sia tecnico-scientifiche che umanistiche per affrontare problematiche di livello globale.

Huawei offrirà il proprio contributo al progetto sia in termini di risorse economiche che tecnologiche in modo da potere estendere la copertura del programma a tutte le scuole che ne facciano richiesta; allo stesso tempo metterà a disposizione dotazioni tecnologiche che permettano a insegnanti e studenti di fruire appieno dei contenuti del programma, superando anche eventuali difficoltà di accesso ai contenuti digitali.

“Huawei è impegnata a investire sui giovani e su progetti mirati a educare i professionisti del futuro. Crediamo che la tecnologia contribuisca a formare cittadini più consapevoli e specializzati e di conseguenza a migliorare la società e a proteggere l’ambiente. Non si tratta di un compito facile e Huawei non potrebbe raggiungere da sola questi ambiziosi obiettivi”, ha commentato Edward Chan, CEO di Huawei Italia. “E’ necessario che noi tutti collaboriamo in quanto parte di un ecosistema globale ed è per questo che abbiamo scelto di unirci a Oxfam Italia in questo sforzo. Siamo certi che la condivisione di questo obiettivo con un’organizzazione internazionale consolidata e riconosciuta in tutto il mondo quale Oxfam ci permetterà di ottenere un impatto più significativo”.

“Attraverso i nostri progetti sul campo e nelle scuole italiane, sappiamo bene che i giovani sono un agente di cambiamento positivo. afferma Maurizia Iachino, presidente di Oxfam Italia – Con le loro idee, energie e relazioni, possono dare esempio positivo di comportamenti responsabili e sono capaci di mobilitarsi per un futuro migliore, libero dall’ingiustizia e dalla povertà. Oggi più che mai, in un mondo in cui l’1% della popolazione detiene la stessa quantità di ricchezza del rimanente 99%, pensiamo che l’istruzione sia uno degli strumenti più efficaci contro queste ingiustizie. Voglio ringraziare Huawei per il sostegno offerto al raggiungimento dei nostri obiettivi in questo campo: formare cittadini consapevoli, in grado di leggere la complessità globale che stiamo vivendo, è fondamentale per sconfiggere la povertà e costruire società più tolleranti e inclusive”.


  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares
Categorie: Mercato