Epson vince il premio come miglior tecnologia AR/VR per i suoi Moverio

Epson Moverio

Al Wearable Tech Show 2017 gli smart glass Moverio per la realtà aumentata ottengono anche una menzione speciale nella categoria Best Enterprise Solution

Al Wearable Tech Show 2017 di Londra, Epson ha vinto il premio come Best AR/VR Technology Platform per i suoi smart glass Moverio. Epson Moverio ha ottenuto anche una menzione speciale nella categoria Best Enterprise Solution.

La manifestazione ha assegnato riconoscimenti sia a colossi della tecnologia come Google, Apple, Snapchat e Epson, sia a start-up innovative come Realwear, Petcube and Proximie.

– Il premio “The Wearable Awards diventa sempre più importante ogni anno. Più di 400 aziende hanno partecipato nel 2017, rendendolo uno dei più riconoscimenti tecnologici più ricercati”, ha commentato John Weir, COO di Wearable Technology Show.”

– “I giudici credono che Epson Moverio offra una soluzione leggera e robusta, anche con l’applicazione per il controllo dei droni, una caratteristica particolarmente interessante. Gli occhiali sono dotati di una batteria che dura a lungo e offrono la migliore soluzione per le aziende che intendono implementare la realtà aumentata.”

– “I Moverio sono stati scelti come vincitori in base a una serie di criteri, tra cui il comprovato modello di business, le caratteristiche di rilievo, la buona collaborazione con un’ampia base di sviluppatori e le risposte positive di clienti e stampa.”

– Valerie Riffaud-Cangelosi, Head of New Market Development di Epson Europe, ha affermato: “Siamo lieti di essere riconosciuti come azienda leader negli smart glass per la realtà aumentata con i nostri Moverio, e di condividere la vittoria con aziende del calibro di Google, Snapchat e Apple.

– Moverio BT-300 si basano sulla tecnologia Si-OLED (organic light emitting diode) a base silicio. Sono il dispositivo binoculare con lenti trasparenti più leggero sul mercato, stabiliscono un nuovo standard nel segmento degli occhiali per la realtà aumentata.

Leggi anche:  L’iPad Pro 5G è dietro l’angolo