Facebook chiede il sostegno degli utenti contro le fake news

Facebook chiede il sostegno degli utenti contro le fake news
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Facebook ha intenzione di proporre agli utenti una serie di sondaggi come sostegno alla valutazione dell’affidabilità delle fonti e sconfiggere così le fake news

Facebook ha iniziato un nuovo percorso per rendere il suo servizio più affidabile e a misura di utente. Negli ultimi giorni il social network ha infatti ricevuto diverse critiche, in particolare sull’influsso negativo che avrebbe sui rapporti sociali. Dopo il mea culpa fatto dal CEO Mark Zuckerberg sono quindi arrivati i primi cambiamenti. L’algoritmo che gestisce il flusso di notizie nella News Feed è stato modificato per dare maggiore visibilità ai post di amici e parenti rispetto ai contenuti di pagine e media. Il prossimo passo sarà quello di cancellare le fake news dalla piattaforme e Facebook per raggiungere il suo obiettivo ha chiesto l’aiuto dei suoi iscritti.

L’azienda di Menlo Park così come tante altre grandi realtà del web hanno serie difficoltà a gestire bufale e false notizie. Durante le passate elezioni presidenziali statunitensi più di 120 milioni di americani sono stati influenzati nei seggi da articoli realizzati in Russia per favorire la vittoria di Donald Trump. Zuckerberg in un lungo post sul proprio profilo personale ha spiegato che il suo obiettivo è quello di proporre solo notizie attendibili e premiare le fonti che hanno confermato la loro affidabilità. Il processo di verifica verrà effettuato in collaborazione con gli utenti che tramite le risposte a specifici sondaggi confermeranno o meno se si tratta di fake news o meno. Zuckerberg ha ammesso che Facebook avrebbe potuto benissimo fare da solo grazie ai suoi ingegneri o chiedendo la collaborazione di esperti terzi ma ha preferito affidarsi direttamente agli utenti per una maggiore trasparenza. Il social network ha infatti considerato che esistono fonti che sono ritenute attendibili solo da chi le segue e altre anche da coloro che le conoscono solo di nome.


  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares
Leggi anche:  Facebook sospende AggregateIQ dopo Cambridge Analytica
Categorie: Web e Social