Nvidia collabora con Volkswagen e Uber per l’AI dedicata alle self driving car

nvidia self driving car xavier

Nvidia conferma che i primi chip ottimizzati per le vetture a guida autonoma sono pronti per i clienti e ha annunciato alcune importanti partnership per questo settore

Lo scorso settembre Nvidia ha presentato il nuovo processore Xavier pensato appositamente per le esigenze delle self driving car. Il SoC si compone di circa 9 miliardi di transistor ed è in grado di eseguire 30 trilioni di operazioni al secondo con un miglioramento dell’efficienza di ben 15 volte superiore rispetto al modello precedente chiamato Parker. Due di questi processori associati hanno permesso di creare Drive PX Pegasus, una piattaforma hardware per vetture con il massimo livello di autonomia. Oggi durante la prima giornata del CES 2018 il CEO di Nvidia, Jen-Hsun Huang, ha annunciato che i primi sempre di Xavier sono già pronti per la distribuzione mentre il sistema avanzato per self driving lo sarà dalla metà di quest’anno.

Contestualmente a questo annuncio, Nvidia ha svelato le sue più importanti partnership nel campo della mobilità. Uber, che è stato scoperto spiare i suoi rivali per carpirne i segreti dei loro apparati di guida autonoma, sfrutterà la tecnologia del produttore di chip per i suoi crossover Volvo XC90 e sui camion per il trasporto delle merci. Volkswagen invece utilizzerà l’SDK Drive IX per restituire a guidatori e passeggeri informazioni aggiuntive tramite appositi sensori e migliorare la sicurezza. Ad esempio la casa tedesca potrebbe introdurre il riconoscimento facciale per l’apertura automatica del mezzo, comandi tramite gesture e un sistema di tracciamento dello sguardo per garantire che l’utente sia avvertito per tempo in caso di pericolo. Drive IX dovrebbe essere integrato nel pulmino elettrico I.D. Buzz ispirato al modello degli Anni 50. Infine Nvidia, che non sembra particolarmente preoccupata dall’infezione di Meltdown e Spectre, collaborerà anche con la startup Aurora Innovation per nuove piattaforme hardware per vetture a limitata autonomia di guida.

Leggi anche:  Altea Federation, 25 anni di innovazione diretta al futuro