WhatsApp Business è arrivato, ecco come usarlo

WhatsApp Business arriva in Italia per rendere la comunicazione tra aziende e clienti molto più diretta e immediata anche se con alcune lacune

WhatsApp Business, la versione professionale della chat più utilizzata al mondo, è finalmente uscita dalla fase beta e ora disponibile al download. Al momento solo i possessori di smartphone Android potranno utilizzare l’app per comunicare in modo più rapido ed efficace con clienti e fornitori ma presto potranno fare lo stesso anche gli utenti iOS. La piattaforma di messaggistica è pensata per esercizi commerciali, piccole imprese, enti pubblici e scuole e come la versione classica permette di accedere alle conversazioni anche da desktop.

WhatsApp Business offre gli stessi servizi dell’app originale a cui si aggiungono funzioni specifiche per l’utenza professionale. Il primo passo consiste nell’associare al proprio account un numero di telefono unico (fisso o mobile) che non può essere lo stesso di quello che normalmente utilizziamo per le conversazioni private. Le due app possono quindi convivere sullo stesso dispositivo. Il ripristino delle chat da una versione all’altra potrà essere effettuato in una sola occasione ed è quindi consigliabile fare un backup sul PC per ogni evenienza. Fatto questo bisogna costruire il proprio profilo aziendale con nome dell’attività (non potrà più essere cambiato), indirizzo, categoria, descrizione, orari, e-mail e sito web. L’utente potrà poi impostare messaggi di benvenuto quando si viene contattati per la prima volta o d’assenza quando non si è disponibili a chattare.

Sebbene WhatsApp Business abbia già riscosso un certo entusiasmo da parte degli utenti Android, bisogna sottolineare alcuni limiti dell’app. Innanzitutto i dipendenti di una stessa azienda non possono sfruttare il servizio su smartphone diversi a causa del numero identificativo unico. Inoltre, non sono presenti canali pubblici e i bot sono limitati al minimo. Tra i commenti di Google Play diverse persone consigliano quindi di utilizzare Telegram, che in questi giorni si sta preparando al lancio di una sua moneta digitale.

Leggi anche:  Apple e la fine del Genio