Il prossimo Lenovo Yoga Book 2 avrà ancora due schermi

La compagnia ha dato un assaggio del nuovo notebook che migliora la tastiera touch capace di cambiare e adattarsi all’uso

I notebook del futuro si trasformeranno in smartphone con solo touchscreen? Probabile, visto che uno dei big player internazionali come Lenovo punta anche a far sparire la tastiera fisica. Al suo posto, come mostrato durante una recente anteprima dello Yoga Book 2, c’è un’intera superficie sensibile al tocco, che può fungere da keyboard e adattarsi all’uso quotidiano. Durante uno dei keynote del Computex di Taipei, la cinese ha mostrato la cosiddetta tastiera Halo, in pratica un secondo schermo che mima il funzionamento dei tasti fisici. Non è una novità dato che già sul primo Yoga Book aveva debuttato un sistema del genere che però qui dovrebbe essere migliore.

Come è fatta

Lenovo ha infatti introdotto una piattaforma di Intelligenza Artificiale che migliora l’accuratezza della pressione sui tasti digitali, che resta comunque meno precisa e agevole delle controparti fisiche tradizionali. Il vantaggio non è sicuramente per chi decide di scrivere un intero romanzo con un dispositivo del genere ma per coloro che vogliono un portatile, leggero e versatile, capace di dare un senso maggiore a un certo tipo di produttività. Non a caso, a corredo del Book 2 c’è pure una penna stilo, successore di quella che accompagnava la prima famiglia, utile per scrivere e disegnare sul display Halo, che a quel punto diventa una piccola lavagna.

Non sappiamo oltre circa il modello che dovrebbe essere presentato ufficialmente più in là nel corso dell’anno per poi debuttare nei negozi entro dicembre. Al Computex c’è stato spazio anche per un teasing dello smartphone Z5, esteticamente un altro iPhone X, dal prezzo locale interessante (meno di 200 euro) e memoria interna da 64 o 128 GB. Il lancio in Cina il 12 giugno.

[amazon_link asins=’B078H7J43T,B071H6X746,B071NDKNLT’ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’01651bd7-6a63-11e8-8844-9beb82d17fc5′]

Leggi anche:  Amazon Echo Input arriva in Italia