Come è fatto Pixel Slate, primo tablet con Chrome OS

Nuovo Pixel Slate
Come è fatto Pixel Slate, primo tablet con Chrome OS

Annunciato durante l’evento dei Pixel 3, il 2-in-1 punta su un sistema operativo veloce e flessibile, lo stesso che ha portato al successo i Chromebook

All’evento di presentazione dei Pixel 3 e Pixel 3 XL, Google ha svelato anche un paio di novità hardware interessanti. Tra queste, l’atteso Pixel Slate, primo tablet della compagnia con Chrome OS. In realtà, più che tablet parleremmo di un vero e proprio 2-in-1, vista la tastiera estraibile e la presenza di un sistema operativo più completo di Android ma comunque veloce e flessibile a seconda delle esigenze.

A livello estetico, il dispositivo è una via di mezzo tra un Surface e un iPad, leggero quanto basta ma ancora in grado di assolvere a operazioni produttive di uso quotidiano. Anzi, per design e touch&feel, somiglia molto al 2-in-1 di Microsoft che, sopratutto bella declinazione Alcantara, offre ai consumatori un prodotto premium non solo nell’hardware.

Come è fatto

Detto ciò, sotto la scocca del Pixel Slate batte un processore Intel, a scelta, tra m3 Celeron, i5 o i7, 4 GB, 8 GB oppure 16 GB di Ram e disco SSD da 32, 64, 128 o 256 GB. Sul davanti ha una fotocamera da 8 megapixel e due speaker, oltre la lettore di impronte digitali posto in basso. Lo Slate è inoltre dotato di una tastiera Folio retroilluminata con trackpad, un punto a suo favore rispetto alla temibile concorrenza. Purtroppo, la keyboard si compra a parte (e non è inclusa come su Galaxy Book) ma svolge anche al compito di cover protettiva vera e propria, dunque si tratterebbe di una spesa duplice.

Inoltre, la tastiera non va ricaricata, visto che si alimenta con il dock proprietario sul dorso del tablet, a cui si aggancia con semplicità. I prezzi li conosciamo, anche se solo nel formato Usa, dove arriverà a breve: costo per il modello base di 599 dollari (la versione top arriva a 1.599 dollari), 199 dollari per la tastiera Pixel Slate Keyboard e 99 dollari per la Pixelbook Pen.

[amazon_link asins=’B076L188C9,B01M5FA894,B01M26R5IU,B01M4M80N3′ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’8740753e-cd31-11e8-b346-f1ba8788479e’]

Leggi anche:  Ricoh a Viscom 2019: ripensa la creatività, reinventa la produttività