YouTube vuole aprire le sue serie TV originali a tutti ma con la pubblicità

YouTube apre le sue produzioni originali a tutti

YouTube potrebbe fornire a tutti i suoi utenti, e non più esclusivamente agli abbonati, le sue serie TV e programmi originali inframezzati da spot pubblicitari

YouTube si prepara a lanciare ufficialmente il guanto di sfida a Netflix e Amazon Prime puntando su una platea di 2 miliardi di potenziali spettatori. Un portavoce dell’azienda di proprietà di Google, che propone film di grande successo senza alcun costo nella sezione Video, ha confermato ai media statunitensi che le serie TV e i programmi originali oggi disponibili solo agli abbonati Premium saranno presto proposti a tutti gli utenti gratuitamente ma con interruzioni pubblicitarie. La novità riguarderà le produzioni realizzate nel 2019 e quindi diventerà effettiva l’anno successivo. Fino ad oggi per vedere serie come “Cobra Kai”, spinoff della celebre serie cinematografica “Karate Kid”, era necessario pagare 12 euro al mese. Nell’abbonamento è previsto anche l’accesso a YouTube Music. “Nella prossima fase della nostra strategia amplieremo l’audience dei contenuti originali e daremo agli inserzionisti contenuti incredibili che raggiungono la generazione YouTube”, ha commentato un portavoce.

La piattaforma di video sharing con questa mossa potrebbe davvero mettere in difficoltà i colossi dello streaming come Netflix, che al momento conta “solo” 137,5 milioni di utilizzatori nel mondo contro i 2 miliardi di YouTube. Il servizio di Mountain View però ha un handicap importante nei confronti della concorrenza. L’azienda di Los Gatos, così come Amazon Prime, investe miliardi di dollari in produzioni originali. YouTube invece, almeno secondo quanto afferma Hollywood Reporter, dovrebbe ridurre nel 2020 il budget dedicato a film e serie TV autoprodotti già nettamente inferiore a quello di Netflix, che nel frattempo testa un abbonamento low costa a cui accedere solo su mobile.

Leggi anche:  L'ultimo progetto di Elon Musk? Recensire meme con PewDiePie