Le supply chain digitali dell’India: connettersi al futuro

Cos’è un “data lake”, e come evitare che diventi una palude

Gli investimenti in infrastrutture stanno crescendo e l’India è finalmente pronta per rivoluzionare la sua supply chain. Nel 2018 l’introduzione della tassa sui beni e servizi (GST) ha allentato le norme sugli investimenti diretti esteri, mentre un aumento delle spese governative ha avviato la crescita del settore. La trasformazione digitale ha la forza per portare la supply chain dell’India al livello successivo

A cura di Massimo Dino Ceresoli, Head of Global Services Southern Europe Orange Business Services

Come è ben noto l’India ha sofferto, fino a tempi relativamente recenti, di una serie di problemi infrastrutturali a livello nazionale che hanno avuto un effetto negativo sulla rete di supply chain. L’impatto veniva avvertito nel trasporto merci su strada, su rotaia e via mare, ed era sempre necessario mettere in conto possibili rallentamenti nella circolazione dei prodotti. Allo stesso modo fornitori, produttori e rivenditori dovevano prevedere ritardi nelle spedizioni tra gli stati dell’India, mentre un complesso sistema di tassazione e l’eccesso di traffico sulle linee di trasporto facevano lievitare i costi complessivi della logistica.

Ma un cambiamento è in atto, e le supply chain digitali hanno il potenziale per migliorare drasticamente le cose. Negli ultimi tre anni, l’India ha visto affluire molti capitali nella supply chain, e il progetto governativo “Make in India” prevede anche la trasformazione della catena di distribuzione a livello nazionale. Quindi, quale ruolo può svolgere la tecnologia nella supply chain digitale dell’India?

Lo stato attuale della supply chain in India

Secondo Business Insider, i costi di logistica rappresentano attualmente fino al 14% del PIL dell’India, quindi implementare soluzioni intelligenti per la catena di distribuzione così da tentare di abbassarli appare come una mossa intelligente.

Leggi anche:  Indra rinnova la sua presenza nel Dow Jones Sustainability Index World

Questa trasformazione potrebbe avere un effetto a catena sull’economia in generale in India, ma in particolare sul commercio e la vendita al dettaglio. Mentre l’economia dell’India continua a evolvere, continuare a modernizzare la catena di distribuzione è essenziale per la crescita. Una moderna supply chain digitale rende più facile fare business, riduce i costi di produzione e, nel tempo, contribuisce ad accelerare la crescita dei consumi nelle aree urbane e rurali, grazie a  un migliore accesso a beni e servizi, vitale in un paese geograficamente distribuito come l’India.

Migliorare la connettività regionale rendendo più efficienti i trasporti stradali, ferroviari e fluviali è un’altra priorità, ed esistono già dei piani: nel suo bilancio 2018, l’India ha allocato la somma più alta mai stanziata per la spesa in infrastrutture, pari a circa 95 miliardi di dollari. Lo sviluppo della rete di trasporti di base del paese è diventato una priorità.

La logistica avanza in India

Nel World Bank Logistics Performance Index 2017, l’India occupa il 35° posto, in crescita rispetto al 54° nel 2014. Inoltre, si stima che l’industria della logistica dell’India continuerà a crescere costantemente del 10-15% all’anno e a ricoprire un ruolo importante per l’economia nazionale.

Per quanto riguarda l’APAC in generale, il ruolo della regione nel commercio globale e la sua importanza in termini logistici sembrano destinati a rimanere cruciali: PwC ha stimato che entro l’anno 2030, 16 delle 20 principali rotte commerciali bilaterali del mondo includeranno i mercati APAC, per un valore commerciale di 4700 miliardi di dollari e le rotte APAC comprenderanno una quota dell’80% del mercato mondiale. Per l’India è vitale ricoprire un ruolo chiave in questo.

Leggi anche:  Exprivia vince la gara per il servizio di Business process outsourcing di Enel Energia

Trasformare digitalmente la supply chain dell’India

Un fattore importante nell’evoluzione della supply chain in India è la riduzione dei costi logistici e l’aumento dell’efficienza aziendale; e oggi settori come automotive, retail e manufacturing stanno adottando tecnologie digitali per reinventare le loro supply chain. Gli strumenti RFID e IoT, ad esempio, stanno già contribuendo a migliorare l’efficienza operativa e la sicurezza delle merci, nonché a ridurre i costi di trasporto aumentando la velocità di spostamento delle merci.

Oltre a questi strumenti, posso prevedere altre soluzioni digitali che si faranno strada nel settore della logistica in India, come la robotica di nuova generazione, i veicoli automatizzati impiegati nei magazzini, blockchain, sensori IoT e altro. Secondo IDC, l’uso di strumenti digitali sta crescendo piuttosto rapidamente in APAC, poiché le organizzazioni hanno compreso i benefici degli strumenti digitali nella loro catena di distribuzione.

L’imperativo dei dati

Un altro aspetto della moderna supply chain è che genera enormi quantità di dati. Le catene di distribuzione abilitate per IoT che utilizzano strumenti di analisi dei dati saranno essenziali per trasformare la supply chain dell’India in futuro. Essere in grado di reagire rapidamente ai dati in tempo reale sarà un vantaggio in tutti i punti della supply chain: i livelli di inventario, le informazioni sul punto vendita, le abitudini di acquisto dei consumatori, anche le fluttuazioni dei costi di trasporto o delle materie prime.

Questa è un’area in cui Orange ha stanziato risorse significative, poiché riteniamo che il data journey sarà al centro dell’attenzione da parte delle aziende nel 2019 e oltre. La supply chain è un’area che sfrutta molte soluzioni IoT, dai sensori ai veicoli autonomi e, come tale, genererà enormi quantità di dati. Tutti questi dati devono essere raccolti, trasportati, archiviati, analizzati e protetti affinché le imprese possano trarne il massimo beneficio e possano ottenere informazioni strategiche sul business. Questo è il data journey,  e si applica perfettamente al business della logistica e della supply chain.

Leggi anche:  Rivoluzione nel retail: come niente, eppure tutto, cambia

Un futuro digitale per la supply chain per l’India

PwC ha anche rilevato che il 67% delle aziende oggi “considera la supply chain digitale come disruptive e importante” e che il 40% delle aziende in APAC ha già implementato tecnologie come strumenti di collaborazione e analisi della supply chain per migliorare le operazioni.

La digitalizzazione può aiutare l’India a portare la catena di approvvigionamento a un livello superiore e a ottenere importanti riduzioni dei costi, che a loro volta faranno aumentare i ricavi annuali.