Microsoft è pronta a lanciare gli HoloLens 2

Microsoft è pronta a lanciare gli HoloLens 2

Il 24 febbraio la compagnia terrà una conferenza stampa al Mobile World Congress di Barcellona, dove potrebbe annunciare i nuovi occhialini

Gli HoloLens di Microsoft portano con sé un grande rischio, quello di far diventare un altro oggetto hi-tech lungimirante un bidone, al pari dei Google Glass. Seppur consistano in una tecnologia differente, di certo più moderna e standardizzata, mai la compagnia di Redmond li ha lanciati davvero sul mercato, limitandosi con l’offrire una versione per soli sviluppatori, per oltre 2 mila euro e una per le aziende, a quasi il doppio. Ma, come sappiamo, se l’AR di qualità vuole diventare davvero un trend allora ha bisogno della massa. E per raggiungere la massa servono specifiche ma anche prezzi accessibili. Gli HoloLens 2 sono qui per questo.

Cosa sappiamo degli HoloLens 2

Microsoft ha pubblicato un video teaser che apre alla possibilità di una presentazione al Mobile World Congress di Barcellona dedicata, almeno in parte, alla seconda generazione dei visori casalinghi. L’appuntamento è per il 24 febbraio pomeriggio, quando sul palco della città iberica salirà, tra gli altri, Satya Nadella. Il video offre quello che sembra un assaggio del processore AI personalizzato, che l’anno scorso l’azienda ha confermato sarà incorporato negli HoloLens, per implementare in modo nativo e flessibile le reti neurali profonde.

Questo vuol dire che gli occhialini potranno analizzare ciò che l’utente vede e sente sul dispositivo, piuttosto che inviare solo i dati all’elaborazione via cloud, abilitando funzionalità come il tracciamento dello sguardo in tempo reale e il riconoscimento vocale. Il chip AI verrà probabilmente abbinato ad uno Snapdragon 850 di Qualcomm, con Microsoft che ha abbandonato la CPU Intel Atom che attualmente alimenta il modello di prima generazione. Con a bordo Windows Core, si spera, gli HoloLens 2 potrebbero anche supportare velocità LTE da 1.2 Gbps grazie al modem Snapdragon X20 4G integrato.

Leggi anche:  Perché i consumatori sono ancora restii ad acquistare un'auto elettrica