Equinix rinnova il data center ML3 di Basiglio

Equinix rinnova il data center ML3 di Basiglio

La struttura, che può ospitare fino a 800 cabinet, si avvale ora di tutti gli standard di qualità previsti da Equinix e di un uptime del 99,999% per supportare meglio le imprese

Equinix ha completamente rinnovato il data center multi-tenant ML3, situato a Basiglio, a sud di Milano. Operativo dal 2009, questo data center è stato potenziato sia in termini di infrastruttura sia di resilienza e sicurezza, per rispondere meglio alle esigenze dei clienti locali. Il rinnovo dell’infrastruttura del data center ML3, annunciato lo scorso anno, rientra in un progetto da 8 milioni di euro che è parte di un investimento di 18 milioni per supportare l’economia digitale in Italia.

ML3 dispone, oggi, di una maggiore superficie di colocation scalabile e può ospitare fino a 800 cabinet. Il datacenter si avvale ora di tutti gli standard di qualità previsti da Equinix e di un uptime del 99,999% grazie a 8 nuovi UPS statici su due stringhe indipendenti e a 1,472 nuove batterie da 12 V che entrano subito in funzione in caso di necessità. I 4 nuovi generatori diesel, con serbatoi di carburante sufficienti a garantire 36 ore di backup a pieno carico, rifornibili durante l’uso, offrono ridondanza nell’approvvigionamento energetico. ML3 mantiene tutte le misure di sicurezza che gli hanno fatto guadagnare il soprannome di “Fort Knox” italiana dei data center: prima di poter accedere ai rack bisogna passare 6 livelli di sicurezza, garantiti 24 ore al giorno.

L’aumento dei dati, in Italia, sta dando origine a un’economia digitale in crescita e a modelli di business in evoluzione. La Penisola, inoltre, è in una posizione strategica, essendo nel crocevia delle connessioni sottomarine tra l’Estremo Oriente e il Medio Oriente, ed è collegata alla dorsale atlantica con gli Stati Uniti. Per supportare le attuali esigenze digitali, Equinix dispone di tre data center International Business Exchange (IBX) di moderna generazione nell’area di Milano che offrono accesso a un’ampia scelta di cloud e network service provider, punti di scambio Internet e reti di content provider.

Leggi anche:  Internet: nei prossimi 5 anni più traffico IP che in tutta la sua storia

«Dopo aver ampliato il data center ML2, situato a Milano, in via Savona, prosegue il nostro piano di investimenti in Italia con il completo rinnovo del data center ML3», spiega Emmanuel Becker, managing director Italy di Equinix. «Per Equinix è importante crescere nel mercato italiano dal momento che il capoluogo lombardo è un punto strategico per l’interconnessione. Il nostro intento è quello di continuare a rinnovare le nostre infrastrutture per rendere disponibili servizi all’avanguardia in grado di accelerare la digital transformation».

Operare nel mondo digitale

Secondo il Volume 2 dell’Indice di Interconnessione Globale, studio di mercato pubblicato da Equinix, l’interconnessione, o lo scambio di traffico diretto e privato tra i principali partner commerciali, sta diventando il metodo preferito dalle aziende per operare nel mondo digitale. L’Indice prevede che, entro il 2021, la larghezza di banda dell’interconnessione crescerà fino a oltre 8.200 Terabits al secondo (Tbps) di capacità, o l’equivalente di 33 Zettabyte (ZB) di scambio dati all’anno, un aumento notevole rispetto alla proiezione dell’anno precedente e dieci volte la capacità prevista del traffico Internet.

In uno studio indipendente e separato, commissionato da Equinix, che ha coinvolto 139 aziende italiane di varie dimensioni e diversi settori, il 95% dei rispondenti ha dichiarato che la connettività istantanea e affidabile in tutto il mondo ha aperto nuove strade alla crescita e opportunità per il proprio business. Un altro 94% tra i dirigenti IT è convinto che il flusso di dati della propria impresa aumenterà nei prossimi tre anni, comportando un aumento dello scambio di traffico diretto e privato tra i principali partner e clienti.

Accelerare l’interconnessione

L’azienda ha intanto completato anche l’ultima fase dell’evoluzione della piattaforma Equinix con opzioni di connettività più ampie che aiutano le imprese, i cloud provider e i fornitori di rete a interconnettere il proprio business globale al Digital Edge.

Leggi anche:  Traffico dati da mobile: crescita record nell’ultimo anno

Per rispondere alle crescenti esigenze di interconnessione dei clienti e per rafforzare la piattaforma Equinix come piattaforma globale per il business digitale, Equinix ha ampliato il servizio di connettività fornito tramite Equinix Cloud Exchange Fabric (ECX Fabric) per supportare le connessioni tra tutti i propri 37 mercati ECX Fabric situati nei cinque continenti.