IBM brevetta un orologio con un display pieghevole

IBM brevetta un orologio con un display pieghevole

Registrato nel 2016 e diffuso solo di questi tempi il documento che assicura ad IBM la proprietà intellettuale di un oggetto molto strano

Secondo le informazioni ottenute da Lets Go Digital, Intel ha brevettato uno smartwatch che può essere ripiegato su un tablet montato sul polso. Un oggetto che sa molto di ispettore Gadget e che non sappiamo bene a cosa possa mai servire, in maniera utile, ma tant’è: prendere un brevetto è solo questione di tempo.

Il documento è stato apparentemente depositato nel 2016 ma è pubblicato dall’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti l’11 giugno di quest’anno con il titolo di “Dimensioni variabili del display per un dispositivo di visualizzazione elettronica”, ed è quindi stato aggiunto al vasto catalogo di proprietà intellettuali che IBM detiene. Lo realizzerà mai? Difficile dirlo ma sappiamo bene quanti progetti su carta siano rimasti tali nel tempo, non trovando poi una reale via di realizzazione per la massa.

Come sarà fatto

Per quanto riguarda lo smartwatch stesso, sembra avere uno schermo composto da otto pannelli, che consente al display di piegarsi da un quadrante rettangolare orientato verticalmente a qualcosa che assomiglia ad un iPad Mini. Quei pannelli presumibilmente misurano 3 pollici per 2, mentre da aperto si arriverebbe a 12 pollici: una tavoletta abbastanza grande da tenere in mano, figuriamoci averla legata al polso. Siamo sicuramente fan di tecnologie futuristiche, ma qui abbiamo superato ogni livello.

Il brevetto non dà alcun indizio su come il dispositivo verrà effettivamente utilizzato, né sul motivo per cui qualcuno vorrebbe andare in giro con uno schermo pieghevole simile a un tablet sul polso anche perché la maggior parte delle aziende non è nemmeno in grado di creare uno smartwatch decente, tanto meno qualcosa del genere. Solo IBM potrebbe andare in fondo, e magari lo farà molto presto.

Leggi anche:  Google e il caso Nest Guard: "C'è un microfono? Lo avevamo dimenticato"