SEAT consegna i ricambi via drone

SEAT consegna i ricambi via drone

SEAT e Gruppo Sesé collegati via drone per aumentare l’efficienza e la flessibilità nello stabilimento di Martorell

Lo stabilimento SEAT di Martorell è il primo impianto spagnolo a ricevere componenti tramite la consegna via drone. In collaborazione con Grupo Sesé, la casa automobilistica spagnola vanta un servizio pioneristico che collega il centro logistico di Sesé ad Abrera con lo stabilimento SEAT di Martorell utilizzando i droni.

Il primo servizio di consegna di ricambi tra i due impianti di produzione per mezzo di droni in Spagna è già stato ufficialmente realizzato a Martorell qualche giorno fa, e proseguirà con la consegna di volanti e airbag alle linee di assemblaggio SEAT. Il progetto pilota, in corso sotto la supervisione dell’Agenzia spagnola per la sicurezza e la sicurezza aerea (AESA), continuerà in fase sperimentale con diversi voli al giorno.

L’aggiunta di droni migliorerà la flessibilità delle linee di produzione con consegne veloci fatte coprendo la distanza di poco più di due chilometri che separa le due strutture in appena 15 minuti (contro i 90 minuti richiesti dal processo attualmente svolto con i camion). L’operazione via drone mira a poter velocizzare le consegne, migliorando così l’efficienza sulle linee di produzione.

Questa innovazione è inquadrata nell’impegno di SEAT per Industry 4.0. La casa sta affrontando un ambizioso processo di trasformazione volto a rendere lo stabilimento produttivo di Martorell più intelligente e ulteriormente digitalizzato e connesso, al fine di migliorare efficienza, flessibilità e sostenibilità. Inoltre, la consegna con droni comporta una riduzione delle emissioni di CO2 rispetto al trasporto su camion, perché dotati di batterie ricaricate utilizzando energia rinnovabile.

Christian Vollmer, Vicepresidente per Produzione e Logistica SEAT, ha sottolineato che “il volo dei droni è il primo passo verso la trasformazione della catena di fornitura nel settore automobilistico. La consegna con i droni rivoluzionerà la logistica, poiché nel caso di SEAT, ad esempio, ridurrà i tempi di consegna dell’80%. Con questa innovazione stiamo rafforzando l’Industria 4.0 e diventeremo più efficienti, agili e competitivi, oltre che molto più sostenibili”.

Leggi anche:  Da HPE un supercomputer per potenziare le missioni sulla Luna

Ángel Pueyo, CEO di Grupo Sesé, ha dichiarato inoltre che “questo progetto che SEAT ci ha sottoposto qualche mese fa è un chiaro esempio della nostra intenzione di essere all’avanguardia nell’innovazione e nello sviluppo dei processi in grado di ottimizzare e migliorare la supply chain dei nostri clienti e che ci posiziona sul mercato come un operatore logistico globale e completo”.

SEAT, un punto di riferimento di Industry 4.0

SEAT sta attraversando un processo di trasformazione per diventare uno stabilimento intelligente, adattando tutte le sue attività di produzione all’ambiente digitale con le tecnologie più dirompenti sul mercato. La casa automobilistica sta sviluppando e applicando strumenti e soluzioni digitali per produrre vetture che rendano l’azienda più efficiente, flessibile e agile, sempre ponendo il cliente al centro della propria strategia.

Tra gli esempi di questa trasformazione del marchio, spicca la pianificazione della catena di approvvigionamento di SEAT attraverso strumenti di simulazione, così come l’utilizzo di sistemi intelligenti di picking e di navigazione autonoma. Inoltre, l’azienda ha introdotto strumenti di big data e intelligenza artificiale per monitorare e controllare in tempo reale le principali strutture e infrastrutture della catena di fornitura. L’innovazione dei processi logistici di SEAT è stata recentemente riconosciuta con un premio nella categoria digitalizzazione della supply chain dall’International Logistics Exhibition (SIL), tenutosi a Barcellona a fine giugno alla presenza dal Re Filippo VI.

 

Lo stabilimento di SEAT Componentes ha inaugurato la produzione del cambio MQ281

SEAT Componentes, uno dei tre centri di produzione del marchio spagnolo insieme a Martorell e Barcellona, ​​ha iniziato la produzione del nuovo cambio MQ281 del Gruppo Volkswagen. Questo nuovo cambio a sei marce sarà utilizzato dai brand SEAT, Volkswagen, Audi e ŠKODA e la sua capacità massima di produzione ammonta a 450.000 unità all’anno.

Leggi anche:  Dalle auto senza conducente agli aerei senza pilota

La decisione di affidare la produzione del cambio MQ281 a SEAT Componentes è un riconoscimento, da parte del Gruppo Volkswagen, al lavoro svolto negli ultimi anni presso l’impianto produttivo per migliorare l’efficienza e aumentare la produttività. Situato a El Prat de Llobregat, nei pressi dell’aeroporto di Barcellona, ​​l’impianto si distingue per essere altamente integrato e produce tutti i pezzi in alluminio oltre a ingranaggi e alberi e per i quali dispone di impianti di fusione, lavorazione, assemblaggio e banco prova. Nel 2018, ha prodotto quasi 700.000 trasmissioni MQ200, esportando il 56% della produzione.

“SEAT Componentes è un impianto chiave per la nostra azienda e per l’intero Gruppo Volkswagen, dopo l’assegnazione di questo progetto. Con il nuovo cambio, saremo in grado di elevare il tetto di produzione a 3.500 unità al giorno, consentendoci così di mantenere l’impianto come centro di riferimento in termini di efficienza, produttività e qualità. Inoltre, il cambio MQ281 consente di ridurre le emissioni di CO2 di 3 gr/km per ogni modello, rispetto a un cambio equivalente” ha condiviso sempre Christian Vollmer, Vicepresidente per Produzione e Logistica di SEAT.

Il Presidente del Comitato Esecutivo di Volkswagen Group Components, Thomas Schmall, ha spiegato che “l’avvio della produzione del cambio modello MQ281 mostra i vantaggi della nuova area Group Components. Utilizziamo centri multimarca per la configurazione dei nostri stabilimenti e per la produzione e ciò ci permette la libertà e la flessibilità di cui abbiamo urgente bisogno per la trasformazione verso la mobilità elettrica”.

SEAT Componentes, 40 anni di esperienza nella creazione di trasmissioni

SEAT Componentes è una delle nove strutture dedicate alla produzione di cambi che il Gruppo Volkswagen ha in tutto il mondo insieme a quelle di Kassel (Germania), Vrchlabi e Mladá Boleslav (Repubblica Ceca), Córdoba (Argentina) e Anting, Dalian, Tianjin e Changchun (Cina). Si sviluppa su una superficie di 155.000 metri quadri e conta un organico di oltre 1.000 dipendenti.

Leggi anche:  Smartphone carico per 7 giorni grazie alle batterie al fluoruro

Grazie a linee di produzione recentemente ottimizzate, l’impianto ha attualmente una capacità produttiva giornaliera massima di 3.500 cambi, 300 in più rispetto all’avvio della produzione del cambio MQ281. Oltre al nuovo modello di trasmissione, SEAT Componentes produce anche il cambio MQ200. Insieme, la produzione annuale massima è ora di 800.000 cambi.

Creato nel 1979, l’impianto produttivo SEAT Componentes è stato scelto in diverse occasioni per la sua efficienza e l’alta qualità dei suoi processi produttivi. Dal 2010 al 2013, l’impianto ha riorganizzato i propri flussi di produzione al fine di aumentare la capacità, la produttività e la qualità, e ciò ha portato all’assegnazione della produzione del nuovo cambio. Nel 2016, l’impianto è stato insignito dell’Industrial Excellence Award per l’eccellenza e l’efficienza della sua snella strategia di gestione, riconoscendolo come un punto di riferimento in termini di produttività e qualità.