Nest lancerà un nuovo router mesh con l’Assistente integrato

Nest Guard

Insieme ai Pixel 4 e Pixel 4 XL Google presenterà anche un nuovo set Wi-Fi migliorato nelle forme e nell’hardware, con la presenza dell’IA

A giusto poche settimane dal lancio dei Pixel 4 e 4 XL di Google, il sito 9to5Google riferisce che sul palco della conferenza non vedremo solo la nuova famiglia di smartphone ma anche altro, ad esempio la next-gen di Google Wi-Fi. La prima non si trattava altro che di un sistema mesh per ampliare la rete wireless domestica, o in ufficio, con il vantaggio di un set di dispositivi di desgin e un’applicazione in grado di rendere la gestione semplice ma davvero smart. La novità della nuova gamma, potrebbe essere la presenza di un altoparlante e dunque dell’Assistente Google. Non si chiamerà più Google Wi-Fi ma Nest Wi-Fi, visto che Big G, dopo l’acquisizione del brand produttore di termostati e webcam, ha deciso di dedicare il naming proprio alla linea di IoT per la smart home.

Cosa sappiamo

Nest Wi-Fi è, secondo persone che hanno familiarità con la questione, più o meno lo stesso strumento del predecessore, ma con un design rinnovato e hardware migliorato. Ciò vorrà dire non più router identici, nei pacchetti da tre o cinque ma un modulo centrale, da agganciare alla connessione casalinga e altri differenti, i cosiddetti booster. Google Assistant includerà comandi per consentire di mettere in pausa il Wi-Fi in certe stanze, accendere e spegnere la rete ospite, e altre opzioni di gestione semplificata.

La buona notizia è che la seconda generazione sarà compatibile con la prima, quindi si dovrà solo aggiornare i moduli desiderati e aggiungere quelli che servono in più, piuttosto che installare tutto da zero. Dato che le specifiche dell’hardware sono probabilmente abbastanza simili (non aspettiamoci il ​​supporto Wi-Fi 6, ad esempio), non ci sarà molto motivo per comprare il venturo se si ha già il precedente, tranne che non serva un’estensione maggiore.

Leggi anche:  Ottimizzare il flusso del traffico con i computer quantistici