Huawei è in trattative per concedere in licenza il suo kit 5G alle telco USA

Gli Stati Uniti si riavvicinano a Huawei

Aprendo il controllo del proprio firmware ai tecnici americani, Huawei si assicurerebbe il ritorno in un mercato in cui è ancora leader

La relazione tra USA e Cina ha preso una piega piuttosto strana. Secondo un rapporto di Reuters, le due avrebbero iniziato a condividere seri colloqui sulla ripresa di alcuni processi di business, naturalmente orientati al 5G. A quanto pare, il gigante cinese sarebbe sul punto di concedere in licenza la sua tecnologia 5G alle aziende statunitensi al fine di dare loro un maggiore controllo sulla sua implementazione e una migliore visibilità sulle apparecchiature di comunicazione. Durante una visita a Washington questa settimana, Vincent Pang, vicepresidente senior di Huawei, ha confermato ai giornalisti che varie telco hanno mostrato interesse per la proposta, anche se che i colloqui sono nelle primissime fasi.

Futuro roseo?

«Non nascondiamo che ci sono alcune aziende con cui siamo in contatto ma la questione è ancora ben lungi dall’essere finalizzata» ha spiegato Pang. Il mese scorso, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti aveva aperto leggermente alla cinese diffuso l’idea che se Huawei avesse fatto un passo verso la compliance voluta dai controllori, forse qualcosa si sarebbe mosso. Ed è generalmente riconosciuto che, indipendentemente dai rischi per la sicurezza e dai difetti di progettazione, Huawei è leader di mercato nel campo delle apparecchiature per telecomunicazioni 5G quindi un incontro di intenti fa comodo a tutti.

E, non a caso, la cinese pare abbia dei costi di affido e gestione più economici dei diretti rivali, il che rappresenta sempre un carta a suo favore quando si tratta di implementazioni per compagnie più piccole. E infatti, il governo degli Stati Uniti ha recentemente annunciato un fondo per aiutare i vettori minori a rimuovere le apparecchiature Huawei esistenti senza cadere in sciagure finanziare, che sono sempre dietro l’angolo.

Leggi anche:  Enterprise network per connettere competitività e crescita