Mate X di Huawei potrebbe arrivare a fine mese (non da noi)

Huawei Mate X, uscita a giugno

In Cina lo smartphone pieghevole dovrebbe debuttare a ottobre mentre un lancio globale non è previsto per la fine dell’anno

Huawei ha confermato che il suo smartphone Mate X pieghevole debutterà a novembre, almeno in Cina. Questo secondo il sito Sina Technology, che ha sentito da “fonti industriali” che la produzione di massa del dispositivo flessibile è iniziata alla fine di questo mese. Tuttavia, non sarà ancor il caso di aggiungerlo alla propria lista di Natale: Sina nota che la produzione dello schermo pieghevole si sta rivelando “molto difficile”, quindi è improbabile che un rilascio globale avvenga entro il 2019.

Huawei non ha rilasciato alcun commento a riguardo ma sappiamo che il Mate X è stato annunciato per la prima volta al MWC a febbraio del 2019 e che, a seguito del disastroso lancio del Galaxy Fold di Samsung, Huawei ha pensato bene a rivalutare la questione nel dettaglio, quasi beneficiata da quanto successo con il governo degli Stati Uniti nel frattempo.

Quando potremo sfogliarlo

Sebbene Huawei abbia promesso un rilascio a settembre, l’azienda è stata costretta ad ammettere in seguito che “non vi era alcuna possibilità” di preparare il telefono in tale arco di tempo. Non ha rivelato il motivo del ritardo, ma dati i già flebili rapporti con l’Occidente, è evidente che non vorrà correre alcun rischio. Il Mate X, a differenza del Galaxy Fold, presenta un display Oled da 8 pollici FullView completamente piatto, senza pieghe visibili.

All’interno, il processore Kirin 980 da 7 nm abbinato a 8 GB di RAM, 512 GB di spazio di archiviazione con il chip modem Balong 5000, che vanta un’antenna 5G e velocità di download massime di 4,6 Gbps al secondo. Huawei non ha ancora annunciato quanto costerà il suo Mate X ma voci pendono per un cartellino di circa 2.300 dollari, verosimilmente 2.500 euro.

Leggi anche:  Il Galaxy Note10 avrà il più grande display OLED mai costruito