Radeon Pro W5700 porta l’architettura RDNA nel mondo delle workstation

AMD ha svelato la sua più recente scheda grafica dedicata ad ambienti di business e ai grossi carichi di lavoro

AMD ha tolto il coperchio dalla sua prima scheda grafica per workstation di livello professionale. Costruita con un processo a 7 nanometri, la Radeon Pro W5700 presenta 36 unità di elaborazione, 8 GB di memoria video GDDR6, con un’interfaccia di memoria a 256 bit e una larghezza di banda di 448 GB/s, fornendo un totale di 8,89 Tflops. Questa è effettivamente una versione professionale della Radeon RX 5700 di livello consumer, sebbene il software sia più orientato al business che alla multimedialità casalinga. Il motivo? LA nuova Radeon Pro ha lo scopo di gestire i carichi di lavoro graficamente impegnativi di progettisti, ingegneri e architetti 3D, piuttosto che eseguire gli ultimi giochi a 4K e 60 frame al secondo.

Costruita per il business

Attingendo alla più recente architettura grafica RDNA di AMD, la Radeon Pro W5700 promette prestazioni per clock del 25% più elevate e prestazioni per watt medie superiori del 41% rispetto ai predecessori Pro che poggiano sulla precedente architettura grafica Core Next. AMD ha spiegato di aver ottimizzato i driver della scheda per accelerare i flussi di lavoro, adottando anche un connettore USB-C: è la prima scheda grafica per workstation ad averne uno. Ciò dovrebbe aiutare la GPU a collegarsi a monitor di fascia alta che supportano l’ingresso video, così come i display sui wearable, ovviamente aziendali.

«Abbiamo progettato AMD Radeon Pro W5700 per offrire significativi miglioramenti delle prestazioni nelle applicazioni di progettazione e produzione. Architetti, designer e ingegneri hanno ora la potenza necessaria per condurre esperienze VR e real-time avanzate, consentendo un processo di creazione del progetto più veloce» ha spiegato Scott Herkelman, vicepresidente aziendale e direttore generale del gruppo Radeon Technologies presso AMD. La Radeon Pro W5700 è in vendita a un costo di 799 dollari e la vedremo, presumibilmente, nelle workstation preconfigurate di Dell, HP e Lenovo.

Leggi anche:  I migliori smartphone secondo gli italiani