InfoCert accreditata come Service Provider Privato SPID

InfoCert accreditata come Service Provider Privato SPID

Rilasciabili online certificati di firma elettronica qualificata a tutti i titolari SPID

InfoCert (Tinexta Group) annuncia di aver concluso l’accreditamento come Service Provider Privato SPID per semplificare il processo di rilascio online della Firma Digitale. InfoCert – che ha supportato il progetto SPID sin dal principio in qualità di Identity Provider – da oggi offre a tutti i cittadini dotati di SPID un’opportunità inedita: completare la procedura di identificazione per l’ottenimento di una firma digitale qualificata attraverso l’autenticazione di livello 2 con SPID. In pratica, grazie a InfoCert, ogni utente che abbia un’identità SPID attiva – a prescindere da quale sia l’Identity Provider scelto – potrà ottenere una firma digitale qualificata direttamente online in meno di cinque minuti e, in caso di firma remota, potrà anche attivarla immediatamente.

Tale funzionalità sarà disponibile sia per i clienti corporate di InfoCert che per i clienti retail che accedono su infocert.it per acquistare prodotti di firma quali la Wireless Key, la Firma Remota, la Business Key o la Smart Card.

“Grazie a questo accreditamento, riusciamo a semplificare il processo di richiesta online di certificati di firma – dichiara Carmine Auletta, CIO di InfoCert (Tinexta Group) – Ancora una volta, InfoCert conferma la sua leadership nel processo di digitalizzazione del Paese. Siamo il primo operatore a portare sul mercato una soluzione capace sia di semplificare il processo di identificazione sia di consentire, grazie al connubio tra SPID e FIRMA DIGITALE, di concludere transazioni digitali utilizzando SPID”.

L’accreditamento di InfoCert come Service Provider Privato genererà benefici anche per lo stesso sistema SPID: oltre che nell’accesso ai portali online della PA, da oggi la vita degli utenti sarà facilitata in molteplici casi d’uso anche al di fuori del contesto pubblico.

Leggi anche:  Il valore della dematerializzazione per gestire i processi nei periodi di crisi

I vantaggi per utenti e imprese private

I cittadini in possesso di un’identità SPID possono ora utilizzarla per interagire non solo con le Pubbliche Amministrazioni ma anche con tutte le aziende private con cui dialogano abitualmente quali banche, assicurazioni, operatori telefonici e altre grandi imprese: possono, infatti, aprire un conto corrente, sottoscrivere una polizza o richiedere una nuova SIM direttamente online, anche dal proprio smartphone, in modo rapido, comodo e senza bisogno di ripetere le procedure di accertamento della propria identità.

Da parte loro, le imprese private possono offrire questa vantaggiosa opportunità ai propri clienti, senza dover effettuare – grazie alla partnership con InfoCert – alcuna procedura di accreditamento per diventare Service Provider Privati: è InfoCert infatti,  in qualità di Service Provider del Sistema SPID e al contempo Certification Authority, a servirsi dell’autenticazione SPID per l’identificazione degli utenti online e rilasciare loro un certificato di firma con cui sottoscrivere la richiesta di un prodotto o un servizio, come quelli sopra menzionati.

Peraltro, il riconoscimento SPID è già nativamente integrato con TOP, la Trusted Onboarding Platform brevettata da InfoCert per la contrattualizzazione dei clienti già adottata da decine di grandi aziende che da oggi potranno utilizzare, oltre che il riconoscimento Webcam, le credenziali bancarie esistenti e altri metodi già diffusi per l’identificazione, anche il circuito SPID.

I primi casi di successo in arrivo

Tra le realtà che hanno già scelto di cogliere la nuova opportunità offerta da InfoCert ci sono Alba Leasing, primario operatore nel settore della locazione finanziaria, Factorit, Società di Factoring del Gruppo Banca Popolare di Sondrio, e Fundstore, il più fornito marketplace online di Fondi Comuni di Investimento e Sicav.

Leggi anche:  «Corrispettivi SMART», una soluzione digitale a vantaggio di commercialisti e esercenti

“L’utilizzo di SPID ci consente di accelerare la fase di onboarding attuando una strong authentication e l’immediato invio delle credenziali per la firma elettronica. Con questa firma rilasciata da InfoCert è possibile bypassare lo step in cui il nostro futuro cliente avrebbe dovuto effettuare l’autoidentificazione attraverso l’autoscatto e il successivo upload del documento d’identità. Grazie InfoCert i nostri clienti possono sottoscrivere il contratto senza ulteriori passaggi e perdite di tempo. È quanto di meglio ci possa essere per istruire una pratica di leasing nel modo più veloce ed efficiente, massimizzando anche la customer experience della clientela imprese”, afferma il Vicedirettore Generale di Alba Leasing, Stefano Corti.

“In collaborazione con InfoCert, Factorit sta digitalizzando i propri processi e adeguando le proprie procedure IT. Attraverso l’utilizzo di SPID per il rilascio della firma digitale, i clienti potranno relazionarsi con Factorit in modo più semplice e veloce, beneficiando di nuovi servizi che saranno erogati tramite un rinnovato portale web. Il tutto nel rispetto del quadro normativo esistente, rafforzando i presidi di rischio connessi all’identificazione di firmatari ed esecutori dei rapporti contrattuali” dichiara Luciano Musi, Responsabile ICT di Factorit.

“Su Fundstore, arricchiremo le opportunità di identificazione a distanza dando l’opportunità agli utenti di usare le proprie credenziali SPID di 2° livello già in loro possesso per ottenere la firma da InfoCert. Una volta completata la procedura di onboarding su Fundstore e firmato digitalmente tutta la documentazione di offerta, l’utente non avrà necessità di effettuare azioni particolari per concludere il processo di adeguata verifica: sarà sufficiente aver fornito le proprie credenziali SPID per essere de facto univocamente identificato e immediatamente operativo” afferma Simone Calamai, Amministratore Delegato di Fundstore.

Leggi anche:  L’ombrellone da tenere aperto anche d’inverno