Samsung presenta Ballie, il piccolo robot casalingo

Al CES di Las Vegas, la compagnia ha svelato un nuovo dispositivo per la gestione della casa connessa

Al Consumer Electronic Show in corso a Las Vegas, Samsung ha invitato sul palco un ospite curioso: Ballie, un robot rotante dotato di una fotocamera e abbastanza intelligente da percepire le persone intorno a lui e controllare gli elettrodomestici collegati in casa. Nel video dimostrativo qui sotto, è possibile vedere Ballie che segue una persona e il suo cane, aiutando silenziosamente, ove possibile, la regolazione di alcuni IoT, come le tende, le luci, l’avvio di una aspirapolvere e persino l’accensione del televisore. Samsung ha spiegato che Ballie è dotato anche di funzionalità di IA per fungere da assistente di fitness e aiutare gli utenti a tenersi in forma.

Come funziona e quando arriva

Ballie non è il primo robot rotolante che si vede in giro. Sony ci aveva provato nel 2007 con Rolly, una sorta di speaker rotante mentre nel 2016, LG ha inserito una fotocamera da 8 megapixel nel suo “Rolling Bot” da abbinare al telefono di punta G5, per tenere d’occhio la casa, agire come un citofono, intrattenere gli animali domestici e accendere vari elettrodomestici supportati. Nessuno di questi ha avuto alcun impatto reale sul mercato dei gadget, ma forse erano in anticipo sui tempi. Ballie fa parte della filosofia di Samsung “Age of Experience” che mira a trasformare il modo in cui ci prendiamo cura di noi stessi e della nostra famiglia, per personalizzare le nostre case e soddisfare le esigenze individuali.

In sostanza, ciò si traduce in più dispositivi intelligenti che condividono i dati tra loro per funzionare meglio. Anche se in linea di principio suona alla grande, resta da vedere se Samsung riuscirà a imporre sul mercato questo robot quando, nel 2020, si pensa a qualcosa di maggiormente utile per la gestione delle esperienze digitali, e non un aiutante privo di personalità e, apparentemente, poco incline alla socializzazione.

Leggi anche:  Nuovo progetto ERC del Politecnico di Torino: verso nuovi materiali intelligenti ispirati dalla natura