Ascolta l'articolo

HomeCourt, un’app nata quasi per gioco che oggi è in cima alle classifiche di download perché aiuta a migliorare le skill di basket sentendosi meno soli

Joe Harris, uno dei migliori tiratori di basket della NBA è fermo da oltre un mese. La pandemia da Coronavirus ha costretto dentro casa il cestista dei Brooklyn Nets e, come lui, gli altri colleghi di uno degli sport più seguiti negli USA. L’11 marzo l’NBA ha sospeso la stagione, e subito dopo la città di New York ha chiuso. Oggi Harris è uno degli sponsor di HomeCourt, l’app sportiva numero 1 sull’App Store, più scaricata di colossi come ESPN. Di cosa si tratta e perché c’entra Joe Harris?

Homecourt: l’IA a servizio dello sport casalingo

HomeCourt utilizza la realtà aumentata e l’intelligenza artificiale per tenere traccia delle esercitazioni di tiro a canestro degli utenti, ma nulla a che vedere con un semplice giochino. Il framework di fondo riesce a estrapolare analisi approfondite che permettono di migliorare i colpi e crearsi una sorta di ranking che cresce a mano a mano che si sfidano campioni da ogni parte del mondo, dall’Italia al Sud Africa. Sviluppata da un gruppo di ex ingegneri di Apple, Google e Facebook, riuniti nel 2018 sotto il nome di NEX Team, HomeCourt è cresciuta rapidamente nel mondo del basket, tanto che la stessa NBA ha deciso di diventare azionista della compagnia sviluppatrice lo scorso luglio.

La partnership ha già permesso di far allenare in maniera “aumentata” giocatori a tutti i livelli ed è oramai parte integrante delle iniziative di sviluppo del basket giovanile portate avanti dalla NBA. Uno dei motivi di tale interesse, per la federazione americana è che, offrendo ai giocatori l’accesso alla tecnologia di HomeCourt, ha l’opportunità di identificare e scoprire i talenti a livello globale, praticamente a costo zero. Per farlo, è persino nato il programma NBA Global Scout, che piazza i migliori giocatori in una lista di scouting affiliato mondiale.

Leggi anche:  Smart working, la nuova dimensione del lavoro

Oltre il videogame

Lanciata a luglio 2018, HomeCourt combina procedure di allenamento, dalle basilari a quelle più avanzate, con l’IA, per fornire analisi in tempo reale che aiutano i giocatori di qualsiasi livello di abilità a far progredire il loro gioco. HomeCourt calcola la precisione del tiro, i progressi nel tempo e le metriche delle prestazioni chiave come velocità, salto verticale, tempo di rilascio e gestione della palla. Ancora più importante, l’app crea un’esperienza di basket completamente nuova che è divertente, coinvolgente e accessibile.

Mentre si palleggia, con lo smartphone che riprende la scena, piazzato dinanzi al giocatore in maniera sicura, compaiono sullo schermo sfere verdi e blu, una alla volta. Se mentre palleggiamo riusciamo a toccare quelle sfere, il nostro punteggio sale. Ma non solo: alcune sfere valgono di più e permettono, palleggiando più velocemente, di ottenere più punti e scalare così le classifiche. Alla fine del tempo a disposizione, l’app confronta il proprio risultato con il resto del mondo. In un momento in cui i campionati sportivi si sono fermati per il Covid-19, HomeCourt continua a crescere: è il solito basket ma fatto in maniera intelligente, smart con un valore da comunità che oggi è fondamentale per non impazzire.

L’iniziativa durante la pandemia

Proprio in tema Coronavirus, HomeCourt sa di poter essere più di uno svago per chi può beneficiare di un minimo spazio all’area aperta. Per questo, Nex Team ha reso tutte le sezioni dell’app gratuite, fino al 31 maggio. «Oltre a rendere HomeCourt gratuito per tutti, lavoreremo ancora di più con l’NBA e altri partner così da fornire programmi di allenamento di alto livello, aiutando a connettere virtualmente le comunità di basket e i giovani atleti, supportando il loro viaggio verso il livello successivo» hanno spiegato gli sviluppatori. Di particolare aiuto sono i video didattici, le guide per genitori e insegnanti e una vera e propria serie di lezioni da tenere giorno dopo giorno, per mitigare al meglio l’impossibilità dell’andare in palestra e seguire un percorso tradizionale di corsa, palleggio e tiro a canestro.

Leggi anche:  L’evoluzione della cybersecurity nell’era dell’IoT