La prima missione con equipaggio di SpaceX rinviata a causa del maltempo

La prima missione con equipaggio di SpaceX rinviata a causa del maltempo
Ascolta l'articolo

Ieri sera, la compagnia privata puntava a scrivere, insieme alla NASA, il proprio nome nei libri di storia. Se ne riparlerà nel weekend

Il 27 maggio 2020, gli astronauti Bob Behnken e Doug Hurley dovevano dirigersi nello Spazio alle 16.33 ora locale di Cape Canaveral, in Florida. Tuttavia, 17 minuti prima del decollo, i funzionari li hanno informati che il lancio doveva essere annullato. Sul suo blog, la NASA ha detto che non c’era abbastanza tempo per aspettare che il meteo migliorasse, visto che le condizioni non permettevano di seguire i criteri di lancio di Falcon 9.

Pioggia, nubi e fulmini hanno alzato la quantità di elettricità nell’atmosfera, bloccando Crew Dragon sulla pista di lancio. SpaceX ha poi spiegato che la sua prima missione con equipaggio è stata spostata a sabato 30 maggio alle 15.22 locali. A dire il vero, come backup, vi è un’altra finestra di lancio: domenica 31 maggio alle 15.

Una pagina importante per SpaceX

Ad assistere al “lift off” erano arrivati anche il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il suo vice, Mike Pence ma niente pubblico per evitare assembramenti. Una volta effettivamente diretti verso lo Spazio, Behnken e Hurley testeranno i sistemi della Crew Dragon, per verificare che tutto funzioni bene e segnare un primo passo verso altre missioni con esseri umani da parte della SpaceX.

La Dragon è spinta da un razzo Falcon 9, il vettore costruito dalla compagnia aerospaziale fondata da Elon Musk. In un primo stadio brucerà per circa due minuti e mezzo prima di separarsi e lasciare il compito al secondo stadio. Dopo 12 minuti anche quest’ultimo si staccherà, permettendo agli astronauti di andare in orbita, diretti verso la Stazione Spaziale Internazionale.

Leggi anche:  Covid-19: da Mares una maschera riadattata a respiratore con la stampa 3D