Autismo: per l’Oms i vaccini non c’entrano

L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che il vaccino per morbillo, rosolia e parotite non provocano l’autismo

I timori riguardo alla pericolosità dei vaccini sono infondati. A confermarlo è l’Organizzazione mondiale della sanità, che ha lanciato l’allarme poliomelite in diversi Paesi mediorientali, ha accertato che non c’è nessun collegamento fra autismo e vaccini in particolare quello trivalente contro morbillo, rosolia e parotite.

Nessun collegamento fra vaccinoe  autismo

Il timore che i vaccini provocassero l’autismo, malattia da stress sociale cronico che sembra possa essere curata con l’ossiticina detta anche “ormone dell’amore”, è nata negli Anni 90 negli Stati Uniti quando l’aumento del numero di vaccinazioni è stato accompagnato da un aumento dei casi di autismo. “Più recenti e accurate ricerche hanno dimostrato che l’ipotesi era del tutto infondata” – ha spiegato Giuseppe Remuzzi, direttore del dipartimento di medicina dell’ospedale di Bergamo – “Le mamme italiane devono continuare a vaccinare i loro bambini in totale tranquillità per evitare il diffondersi di infezioni”.

Leggi anche:  Due robot pole dancer nei locali di Nantes