Il viaggio nel mondo dei dati digitali e del tiered storage

Il viaggio nel mondo dei dati digitali e del tiered storage
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tim Wright, Technical Support Manager, Storage Products Division, Toshiba Europe GmbH, ci parla dell’evoluzione dell’universo digitale nel futuro dello storage enterprise

Lo storage enterprise sta entrando in un’epoca di trasformazione. La gestione dei dati aziendali sta diventando un compito complesso e le aziende si trovano ora nel momento critico di un crescente impegno relativo alla gestione dei dati. L’evoluzione dell’universo digitale è comunemente indicata come il catalizzatore chiave del mutevole panorama dello storage, poiché continua ad espandersi ad una velocità impressionante. Gli analisti di IDC stimano che la quantità di dati creata o replicata nel 2011 è stata di 1,8 zettabyte. Ed è prevista una crescita del 900% nei prossimi cinque anni – una quantità di dati archiviati equivalente a 57,5 miliardi di iPad 32GB o 200 miliardi di film in alta definizione. Sono cifre difficili anche solo da comprendere.

La capacità richiesta è indubbiamente una delle principali cause di preoccupazione, se pensiamo che le infrastrutture IT enterprise sono già obbligate ad espandere i limiti attuali per accogliere i grandi volumi di informazioni. Mentre questo esplosivo universo dati continua ad evolversi, emerge per le aziende un nuovo livello di complessità legato alla gestione e lo storage dei dati. Il volume è solo una voce di un elenco di cose di cui preoccuparsi quando si parla di efficienza dello storage di dati enterprise.

La consumerizzazione graduale dell’IT sul posto di lavoro negli ultimi anni ha stimolato la creazione di nuovi contenuti dati nel sistema IT business. Documenti di testo, audio, video e presentazioni si uniscono ai dati generati in tempo reale da social network, nuovi strumenti di navigazione e dispositivi portatili. E, mentre l’ambiente business risulta indubbiamente arricchito e più produttivo, i dipartimenti IT faticano a mettere ordine in questo caos di dati, poiché gli utenti richiedono l’accesso istantaneo ai dati di cui hanno bisogno, nel momento esatto in cui ne hanno bisogno.

Ancora più importante, le difficoltà create dall’aumento della complessità dei dati non sono più solo un problema dei dipartimenti IT. Con l’aumento dell’attenzione rivolta dai governi in Europa alla regolamentazione dei dati enterprise, l’investimento nelle corrette tecnologie di storage e recupero dei dati può significare evitare multe salatissime. Con la crescente pretesa da parte della legge nei confronti delle aziende di essere responsabili di tutti i dati archiviati nell’infrastruttura IT enterprise, è necessario garantire accessi attentamente controllati ai dati aziendali.

Poiché il settore enterprise è sottoposto a tutte le sfide associate a volume e complessità dei dati, ai dipartimenti IT viene imposto un carico di lavoro ancora maggiore. Nel momento in cui le aziende europee si preparano a tagli volti a sostenere la crisi economica globale, la principale preoccupazione è continuare a spendere in linea con budget sempre più ristretti, mentre sui dipartimenti IT grava il compito di rispondere alle necessità dell’azienda, riducendone allo stesso tempo le spese.

Per sopravvivere a questo ambiente dati caotico, con così tanti fattori in gioco, l’investimento nelle corrette tecnologie non è mai stato così importante. Dal momento che oggi i dati digitali rappresentano la vera linfa vitale delle aziende, lo storage è uno degli elementi con prestazioni maggiormente critiche del setup IT enterprise.

In questo panorama digitale dinamico, le aziende evolvono le proprie strategie di storage per superare questa sfida con applicazioni tecnologiche intelligenti. Il tiered storage è uno dei mezzi più efficaci per le aziende impegnate a superare le sfide delle velocità di accesso ai dati, riducendo allo stesso tempo i costi grazie a minori consumi di energia e minore generazione di calore. Implementando un approccio tiered storage, le aziende possono beneficiare di un maggiore livello di sofisticazione quando si tratta di storage e recupero dati.

Il tiered storage implica la gestione automatizzata dei dati, fino ad arrivare alla più efficace forma di storage a seconda dei requisiti di costi, prestazioni, sicurezza e recupero. La struttura a tier regolamenta le richieste di accesso a diversi tipi di dati, partendo dalla richiesta elevata nel tier zero e scendendo fino ai livelli più bassi, passando per i vari livelli del del sistema. Con questa struttura flessibile, le aziende possono anche sfruttare funzioni di sicurezza con unità HDD dotate di crittografia integrata.

L’architettura tiered storage tipica avrà a grandi linee questa struttura:

Tier 0 – massima velocità

Tutte le aziende dipendono da un sottoinsieme di set dati critici per le prestazioni quotidiane legate alla mission aziendale – le informazioni maggiormente necessarie all’azienda, che vanno da database a email o informazioni finanziarie. L’accesso a questi dati è sempre richiesto da un elevato numero di utenti. Il livello di storage Tier 0 è cosituito da unità eSSD (Enterprise Solid State Drive) Realizzate su memoria Flash, anziché su disco rotante, le unità Solid State offrono elevatissime velocità di lettura/scrittura per i dati critici per la mission aziendale. La caratteristica più importante di questo tier è la continuità delle prestazioni, che deve garantire la possibilità di accesso ai dati da parte degli utenti come e quando gli è necessario.

La migliore affidabilità e l’accesso più rapido ai dati rende le unità SSD perfette per rispondere alle costanti necessità di accesso ai dati dell’ambiente dati dinamico in un’azienda moderna. Nonostante la tecnologia SSD sia tradizionalmente più costosa, il costo delle prestazioni di input/output (IPO) in un eSSD è almeno un decimo più economico di un’unità a disco da 15K RPM.

Tier 1 – dati essenziali

Il livello successivo di dati aziendali è contenuto in questo tier. Sebbene non si tratti di dati critici per la mission aziendale, le informazioni contenute in questo livello devono comunque essere prontamente disponibili e possono includere documenti di testo e presentazioni, o dati finanziari. Sfruttando unità disco ad elevate prestazioni da 15.000 RPM, offrono agli utenti funzioni similari in termini di potenza, latenza ridotta e tempi di accesso più rapido alle informazioni, come e quando sono necessarie. Ancora, il bilanciamento dei costi ha un ruolo importante – queste unità HDD hanno una minore capacità e quindi un maggiore costo per gigabyte. Comunque sono necessarie meno unità da 15K rispetto a quelle da 10K per raggiungere l’IPO per secondo necessario.

Tier 2 – prestazioni prioritarie

Nel Tier 2, le applicazioni di accesso diretto richiedono elevata capacità, potenza e prestazioni, ottimizzate con degli HDD da 10.000 RPM. Le caratteristiche di questo tier sono le stesse dello storage enterprise entry-level tradizionale, con un prezzo per gigabyte inferiore, che significa la possibilità di disporre di un maggiore volume di storage. Questo è il livello di storage più bilanciato, che incorpora un mix di prestazioni, capacità e costi. Queste unità sono tipicamente HDD da 2,5 pollici, che generano meno calore e richiedono quindi meno raffreddamento – caratterizzandole come energeticamente efficienti.

Tier 3 – lo spazio per la storia digitale

Il terzo ed ultimo livello di storage enterprise è composto di dati critici per l’azienda che, sebbene non richiesti su base giornaliera, devono essere archiviati e recuperati come e quando necessario, in tempi brevi. Questo tier è costituito da HDD ad elevata capacità da 7,200 RPM – che permettono all’azienda di archiviare un elevato volume di informazioni storiche, in particolare dati relativi alle transazioni – ma ad un costo per gigabyte inferiore. Questo livello può contenere una grande quantità di dati ad elevata capacità, raggiungendo anche capacità di terabyte quando necessario.

Mentre le aziende continuano a faticare a causa della crescente diversità digitale all’interno del panorama IT enterprise, non c’è dubbio che le capacità di storage si confermeranno sempre più critiche per la produttività aziendale. Le soluzioni tiered storage offrono alle aziende capacità di storage dinamiche, per aiutarle a superare le sfide legate a capacità e volume, accessibilità e risparmio. Mentre avanziamo verso la nuova generazione di scoperte digitali, applicando un approccio intelligente allo storage di informazioni, le aziende possono garantire che rimarranno un passo avanti nel gioco dei dati.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Categorie: Mercato