Uber sposa Spotify per scegliere la musica da ascoltare

Grazie a un accordo, i passeggeri potranno connettere il proprio smartphone all’auto per ascoltare le canzoni preferite. O sbirciare quelle degli altri

Una partnership unica nel suo genere ed è vero. Uber e Spotify adesso sono una cosa sola, almeno all’interno di alcune auto del servizio di taxi privato. La nuova funzione è disponibile, per i clienti, sull’app di Uber che adesso permette di selezionare la musica desiderata durante il viaggio. Le canzoni diventano così parte centrale dell’esperienza uberiana (o uberina come si voglia) proprio come succede sui taxi classici, solo che qui le canzoni vengono scelte da chi paga la corsa. Il primo passo verso l’integrazione è stato avviato da parte di Uber che ha chiesto ai suoi tassisti di completare il profilo con maggiori informazioni. Tra queste l’esistenza, in auto, di un ingresso AUX, fondamentale per permettere ai passeggeri di attaccare il telefonino (o il tablet) alla vettura. Molto probbilmente, quando il servizio sarà completo, le persone potranno prenotare un taxi anche sulla base dell’esistenza o meno dell’audio in macchina, utile soprattutto per i tragitti più lunghi.

[ot-video type=”youtube” url=”tBY5Lbcc5wE”]

Come funziona

Sebbene ci sia l’ufficialità dell’accordo, la sperimentazione di Spotify con Uber comincerà solo il prossimo 21 novembre, all’interno di 10 paesi selezionati . Il funzionamento è molto semplice. Una volta aperta l’app di Uber e selezionata una vettura, se questa è abilitata all’ascolto di Spotify un menu permetterà di selezionare la tracklist preferita che, fino all’arrivo della vettura, si potrà gestire allo stesso modo sia su Uber che su Spotify. Oltre alle canzoni salvate sul proprio profilo, si potrà accedere anche ai brani suonati sulla stessa vettura dai passeggeri precedenti, giusto per capire se prima di noi c’era un fan degli One Direction oppure di Bob Marley. Una volta in macchina invece si potrà connettere il proprio telefono via AUX all’impianto stereo o, se previsto, via wireless con il Bluetooth o i più avanzati sistemi audio Spotify Connect (come si può fare con l’auto personale).

Leggi anche:  Canon Future Book Forum 2021: l'innovazione sostenibile nel settore editoriale