Agrodron: il drone Made in Italy per l’agricoltura

Agrodon il drone contadino

Agrodron, presentato alla Roma Drone Conference, è un drone realizzato in Italia specializzato nella coltivazione dei campi ad impatto zero

Si chiama Agrodron ed è il primo drone-contadino ideato in Italia. Lo hanno sviluppato due aziende specializzate: la Italdron di Ravenna, che ha fornito il drone, e la Adron Technology di Udine, che ha realizzato il carico utile per le applicazioni in agricoltura. Agrodron può essere utilizzato nella lotta biologica ai parassiti, ad esempio per spargere sui campi di mais delle piccole capsule di cellulosa contenenti le uova di un insetto che contrasta la diffusione della piralide, un lepidottero che può distruggere intere coltivazioni. Questo sistema sarà presentato per la prima volta in occasione della conferenza “Droni in agricoltura”, nuovo appuntamento del ciclo “Roma Drone Conference” che si svolgerà il prossimo 28 gennaio presso l’Atahotel Villa Pamphili (via della Nocetta 105, ore 9-16). Durante questa conferenza, che ha ricevuto i patrocini del Ministero delle Politiche Agricole e dell’ENAC, sarà anche presentata la prima polizza assicurativa italiana per l’utilizzo di droni in agricoltura, la “GrowGreen Insurance”, messa a punto dal broker specializzato Pagnanelli Risk Solutions Ltd in vista del previsto sviluppo dell’uso di queste macchine volanti nelle coltivazioni in Italia.

Agrodon: come funziona il drone contadino

Il sistema Agrodron utilizza una piattaforma derivata dal quadricottero di Italdron “Highone HSE”, un drone radiocomandato dotato anche di autopilota e gps, con un peso massimo al decollo di circa 5,5 kg e un’autonomia di oltre 18 minuti di volo per ogni pacco di batterie. Questo drone trasporta un kit-spargitore, cioè uno speciale contenitore progettato da Adron Technology capace di scaricare automaticamente in volo capsule di cellulosa o altri prodotti per l’agricoltura. L’utilizzo di “Agrodron” consentirà di sostituire l’uso dei trattori per gli stessi trattamenti, riducendo a zero il danno alle colture e l’impatto ambientale, oltre ad aumentare sensibilmente la velocità e la precisione di applicazione.

Leggi anche:  Cisco: premiati i vincitori del contest “Green&Blue Smart Marathon”

La prossima conferenza, dal titolo “Droni in agricoltura. Nuove soluzioni tecnologiche per monitoraggio e interventi di precisione nelle coltivazioni”, vedrà la presenza dei rappresentanti delle maggiori realtà del settore agricolo in Italia: gli Ordini nazionali dei dottori agronomi e forestali, dei periti agrari e degli agrotecnici, Confederazione Italiana Agricoltori (CIA), Coldiretti e Confagricoltura. Interverranno anche numerosi esperti del settore in ambito scientifico, tra cui l’Istituto di Biometeorologia del CNR di Firenze e le università di Pisa, Teramo e della Tuscia. Saranno pure illustrate le norme previste dal Regolamento ENAC per operare in aree rurali con gli APR. Nuovi progetti di droni e sensori per uso agricolo saranno poi presentati da diverse aziende specializzate, tra cui, oltre a Italdron, e Adron Technology, figurano Skyrobotic, Flytop, Menci Software, Cloud Cam by Nuovi Sistemi, Iptsat, Superelectric e AiviewGroup.