Internet.org: 3 mld di persone connesse nel 2015

Il progetto di Facebook Internet.org stima che nel 2015 ci saranno 3 miliardi di persone connesse ma il digital divide è ancora lontano dall’essere sconfitto

Internet.org, il progetto di Facebook per combattere il digital divide che è sbarcato in Colombia e India, ha stimato che nei primi mesi del 2015 ci saranno 3 miliardi di persone connesse alla Rete, ovvero circa il 40% dell’intera popolazione mondiale. Sebbene il risultato raggiunto sia davvero importante, il social network ricorda che oltre la metà delle persone sulla Terra non può accedere a Internet e l’adozione di questa tecnologia sta rallentando.

Internet non è ancora per tutti

Nelle economie sviluppate, il numero di netizens è del 78%. La percentuale scende invece al 32% nei Paesi in via di sviluppo. Inoltre, il numero di nuove connessioni è in costante calo da circa 4 anni. Nel 2014 il tasso di adozione del web era del 6,6%, in netta diminuzione rispetto al 14,7% del 2010. Secondo le stime di Internet.org non si arriverà a 4 miliardi di persone connesse fino al 2019. I principali fattori che frenano la diffusione della Rete sono da ricercare nella mancanza di infrastrutture, accessibilità economia e pertinenza. Il 90% del globo è raggiunto dal web mobile ma sono pochissimi coloro che possono permettersi di accedervi. Nell’Africa sub-sahariana solo il 50% della popolazione può spendere per un abbonamento da 20MB mensili.

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg, che ha promesso che la sua piattaforma non sarà censurata come è successo a Charlie Hebdo, affronterà il tema del Digital Divide mondiale e annuncerà i futuri progetti di Internet.org al Mobile World Congress 2015, evento durante il quale saranno presentati Samsung Galaxy S6 e HTC One M9.

Leggi anche:  Al via la Maratona di STEMintheCity per promuovere la cultura digitale e le discipline tecnico-scientifiche