Silk Road: il fondatore Ross Ulbricht è colpevole

Ross Ulbricht, fondatore di Silk Road, dichiarato colpevole

Ross Ulbricht, fondatore del sito per lo spaccio di droga online Silk Road, è stato dichiarato colpevole e ora rischia 30 anni di carcere

Si è concluso il processo di primo grado che vede imputato Ross Ulbricht, fondatore di Silk Road conosciuto con il nickname Dread Pirate Roberts (DPR). La giuria ha riconosciuto colpevole il creatore del sito, che prima della chiusura operava nel Deep Web, e ora l’hacker rischia di passare i prossimi 30 anni in carcere. Joshua Dratel, l’avvocato di DRP la cui professionalità è stata più volte messa in discussione, ha annunciato che ricorrerà in appello.

Silk Road: spaccio di droga e criminalità

Ulbricht è stato dichiarato colpevole per tutti i sette capi d’imputazione. Tra questi figurano traffico di stupefacenti, spaccio di droga online, associazione per la violazione delle leggi anti-narcotici, riciclaggio di denaro e hacking. DPR viene descritto dall’accusa come un vero e proprio malavitoso della Rete in contatto con organizzazioni criminali di alto profilo. Ulbricht dal canto suo ha preferito non testimoniare e si è detto promotore della pace e della non violenza.

A favorire la sentenza di colpevolezza del fondatore di Silk Road ha certamente contribuito la testimonianza dell’agente speciale della Homeland Security, Gary Alford. L’investigatore è riuscito a recuperare l’e-mail di Ulbricht grazie a una semplice ricerca su Google e dopo aver fatto richiesta a Big G di visionare lo storico della sua corrispondenza ha portato il tutto in tribunale.

Leggi anche:  Twitch, le nuove policy puniscono chi diffonde fake news