IBM investe in Modernizing Medicine per accelerare l’adozione delle tecnologie Watson nella sanità

Alpitour World sceglie l’AI di IBM per offrire un’esperienza personalizzata ai propri clienti

schEMA, un’app basata su Watson, fornisce ai medici un supporto decisionale clinico direttamente nei centri di assistenza. Migliaia di specialisti negli Stati Uniti utilizzano la tecnologia di Modernizing Medicine. L’investimento di IBM conclude il finanziamento Series D pari a 20 milioni di dollari di Modernizing Medicine

Per accelerare l’adozione della tecnologia di cognitive computing di Watson nel settore della Sanità, IBM ha annunciato un investimento in Modernizing Medicine, un fornitore di soluzioni basate su cloud che aiutano gli specialisti a creare e utilizzare le le informazioni mediche in modi nuovi per supportare le decisioni direttamente nei centri di assistenza.

Si tratta dell’ultima iniziativa realizzata da IBM, nell’ambito del programma che ha l’obiettivo di promuovere l’innovazione portata da Watson e che ha comportato un investimento globale di 100 milioni di dollari. L’investimento conclude il finanziamento Series D ed è pari a 20 milioni di dollari, Modernizing Medicine porta così la somma globale raccolta a 49 milioni di dollari.  Modernizing Medicine ha ideato l’Electronic Medical Assistant (EMA), un sistema specifico-specializzato di cartelle mediche elettroniche (EMR) che fornisce anche soluzioni complete per la gestione della fatturazione, dei ricavi e delle scorte.  Più di 5.000 fornitori di servizi sanitari negli USA, tra i quali circa il 30% dei dermatologi, utilizzano la piattaforma di Modernizing Medicine. Secondo il recente studio 2015 Black Book Market Research, la soluzione della società EMA Dermatology era ai primi posti nella dermatologia per il secondo anno consecutivo.

Il finanziamento di IBM e degli altri investitori aiuterà Modernizing Medicine ad estendere l’utilizzo della soluzione in altre otto specialità mediche, oltre a migliorare e ad ampliare la suite. E’ previsto anche un ulteriore sviluppo di schEMA, l’app mobile alla quale si accede attraverso EMA e che sfrutta la potenza del cognitive computing di Watson per fornire ai medici un supporto rapido nelle decisioni cliniche direttamente nei centri di assistenza. schEMA è in grado di analizzare enormi quantità di dati medici e di ricerche pubblicate da riviste specializzate per aiutare i medici a praticare una medicina basata sulle evidenze.

Leggi anche:  Cobot, mercato in crescita. Nuove opportunità cross industry

Disponibile oggi in ambito dermatologico, schEMA consente agli specilisti di porre quesiti sui  sintomi e sulle cure in linguaggio naturale e di ricevere una risposta coerente e basata sulle evidenze entro pochi secondi durante la visita. Questo è possibile grazie alle capacità di Watson di identificare informazioni pertinenti e importanti contenute in migliaia di riviste mediche, ricerche e altri documenti pubblici.

“Modernizing Medicine è un grande esempio di innovazione tra tutti i nostri partner, che stanno creando nuove soluzioni basate sul sistema di cognitive computing Watson”, ha affermato Stephen Gold, vice president di IBM Watson.  “L’investimento di IBM aiuterà ad accelerare l’espansione di schEMA e a dimostrare come la tecnologia Watson possa essere utilizzata dai medici per migliorare il loro modo di lavorare”.

“L’annuncio di oggi rappresenta un passo importante nel nostro percorso per fornire una classe del tutto nuova di app ”cognitive”  per la cura dei pazienti basate su tecnologia Watson”, ha affermato Daniel Cane, co-fondatore e CEO di Modernizing Medicine. “Dopo essere stati selezionati per entrare a far parte dell’ecosistema Watson lo scorso anno, siamo molto lieti che IBM e i nostri investitori condividano la nostra visione relativa a schEMA e alla sua capacità di aiutare i medici a trasformare la dermatologia e le altre specialità basandosi sulle evidenze”.

Sviluppata da medici, EMA è un’applicazione per iPad, basata su cloud, classificata ICD-10 e creata utilizzando dati strutturati e conoscenza medica specifica. Il sistema è stato progettato per soddisfare le nuove esigenze di sviluppo con  nuovi standard qualitativi per il reporting sanitario e i rimborsi a fronte dei risultati ottenuti.  L’app schEMA, che sarà disponibile sui dispositivi mobili tra cui l’iPad, sarà presentata alla conferenza dell’American Academy of Dermatology di San Francisco del 21-23 marzo.

Leggi anche:  Brain on Tech: il primo studio basato sulle neuroscienze di Dell Technologies

La cultura aziendale, la leadership e lo sviluppo di Modernizing Medicine continuano a ottenere riconoscimenti. L’azienda prevede di assumere personale creando nuove 100 posizioni  entro i prossimi 12-18 mesi. È stata recentemente menzionata come primo Best Place to Work dal South Florida Business Journal e figura inoltre nell’elenco delle Top 100 del Nord America di Red Herring che individua le principali aziende private per le quali si prevede una crescita significativa. Nel 2014 ai co-fondatori Cane e Sherling è stato riconosciuta la Leadership con l’ Health Care Award da parte della U.S. Chamber of Commerce.

La comunità medica è stata una delle prime a collaborare con IBM per identificare e creare nuove soluzioni basate su tecnologia Watson.  IBM collabora con importanti ospedali e organizzazioni di ricerca tra cui il Memorial Sloan Kettering Cancer Center, la University of Texas MD Anderson Cancer Center, la Cleveland Clinic, la Mayo Clinic e il New York Genome Center, per trasformare il modo in cui la medicina viene insegnata e praticata.

Per promuovere l’innovazione in quest’area, IBM persegue una politica di investimenti. Precedentemente  le iniziative di collaborazione di IBM hanno coinvolto il Pathway Genomics, un laboratorio clinico che offre servizi relativi a test genetici e il Welltok, leader di settore nelle soluzioni di ottimizzazione sanitaria.

IBM Watson: l’introduzione di una nuova era informatica

Watson è il primo sistema di cognitive computing disponibile nel mercato e rappresenta la nuova era dell’nformatica. Il sistema, fruibile via cloud, è in grado di analizzare elevati volumi di dati, di comprendere domande complesse poste in linguaggio naturale e di proporre risposte basate sulle evidenze. L’apprendimento da parte di Watson è continuo, per questo aumenta il valore e la  conoscenza frutto delle interazioni.

Leggi anche:  HPE porta in orbita funzionalità di edge computing commerciale e di AI

A gennaio 2014, IBM ha aperto l’unità IBM Watson, una comunità dedicata allo sviluppo e alla commercializzazione di tecnologie di cognitive computing fruibili  via cloud. Questo passaggio ha rappresentato un cambiamento significativo da parte di IBM nella diffusione di una nuova classe di software, servizi e app che migliora con l’apprendimento e la scoperta di informazioni da quantità massive di Big Data. IBM sta investendo 1 miliardo di dollari nell’unità Watson.

Grazie anche all’impegno dei  centri di Ricerca  IBM eroga una gamma di prodotti e servizi avanzati Watson, basati su cloud, a clienti dei settori bancario, sanitario, assicurativo, distributivo e della formazione.

IBM offre inoltre la piattaforma di innovazione digitale Watson – Watson Zone – che consente agli sviluppatori di attingere a nuovi servizi e creare e gestire rapidamente app attraverso qualsiasi combinazione di cloud ibrido pubblico e privato. Fino a oggi, migliaia di sviluppatori, imprenditori, data hobbyist, studenti e altre categorie, hanno già sviluppato più di 7.000 app con tecnologia Watson.