L’Apple Watch alimenta l’enterprise mobility

Come possono le aziende gestire e mettere in sicurezza gli ultimi dispositivi alla moda? A cura di Alistair Wildman, Managing Director, End-User Computing, VMware, EMEA

Negli ultimi anni, abbiamo visto che lo stile e la bellezza della tecnologia consumer ha catturato l’attenzione del mondo enterprise. Questo fenomeno ha aperto la strada alla mobility nelle aziende.

Mobile First, Bring Your Own Device (BYOD), Choose Your Own Device (CYOD) e la diffusione del mobile cloud stanno diventando sempre più diffusi nel mondo enterprise. E il più bello dei dispositivi wearable disponibili sul mercato, l’Apple Watch, può incrementare la produttività dei dipendenti. Tuttavia, occorre una significativo investimento e il superamento di alcune barriere perché la mobility decolli realmente e perché tutti questi dispositivi alla moda sia supportati in sicurezza.

Dove sono le aziende adesso?

Le aziende guidate dal bisogno di trasformare la customer experience sono già all’avanguardia nella mobility, perché può consentire allo staff di stringere rapporti migliori con i clienti, può ridurre l’attesa nei negozi e può garantire la qualità della linea di produzione, per esempio. Nel retail, molte importanti catene hanno applicazioni mobili dedicate per acquisti semplici e veloci e stanno sperimentando i più avanzati metodi di pagamento, fra i quali ci sarà sicuramente Apple Pay per Apple Watch.

Il mobile rappresenta una incredibile opportunità per trasformare il modo in cui le aziende operano e per migliorare il servizio clienti. Tuttavia, c’è ancora molto da fare. Essendo un’area in continua evoluzione e rinnovamento per rispondere al nostro desiderio come consumatori di essere sempre alla moda, le aziende devono innovare rapidamente per restare competitive.

Non solo bello

L’Apple Watch ha tutte le potenzialità per aumentare la produttività: controllare le email, accedere alle applicazioni, mandare messaggi a colleghi e clienti. L’accesso alle applicazioni sarà particolarmente importante, Saleforce.com e Expedia sono solo due esempi di app disponibili. Salesforce Analytics Cloud consentirà agli utenti di vedere i grafici relativi alle prestazioni e analizzare i dati. Il software per il riconoscimento vocale dell’Apple Watch consentirà inoltre agli utenti di fornire alcuni aggiornamenti ai sistemi di gestione del cliente attraverso messaggi vocali, senza dover usare il proprio iPhone, notebook o PC. Ok, non siamo ancora a livello dell’orologio di James Bond, ma è un passo nella giusta direzione e senza dubbio aggiungerà funzionalità portando allo stesso tempo qualcosa di cool in ufficio.

Leggi anche:  Il monitoraggio ECG del Galaxy Watch 3 arriva in altri 31 paesi

Se l’Apple Watch rappresenta un’opportunità per aumentare la produttività, come per ogni dispositivo mobile le aziende devono far sì che i dati sul dispositivo siano in sicurezza per non compromettere la privacy in favore della bellezza.

Come possono le aziende proteggere se stesse?

È fondamentale che dispositivi alla moda come l’Apple Watch siano sicuri. Questi sono gli elementi da prendere in considerazione:

  1. Modificare le policy per supportare più dispositivi: le aziende che hanno adottato il BYOD devono modificare le proprie policy per supportare l’adozione di nuovi dispositivi come l’Apple Watch e gestirli nel miglior modo possibile, identificando qualsiasi rischio e come contenerlo.
  1. Ridefinire la sicurezza: un cambiamento di mentalità è fondamentale per spostarsi dalla sola sicurezza fisica a un nuovo approccio, poiché ci stiamo spostando verso un mondo definito dal software. La sicurezza deve far parte del DNA dello sviluppo delle applicazioni, non essere una considerazione da fare successivamente. Per questo motivo, le aziende devono essere certe di avere la giusta infrastruttura per mettere in sicurezza l’intero ecosistema, dai dispositivi alle applicazioni, ai dati, ai contenuti, alle mail fino alla rete ed essere al tempo stesso sicure che il tutto sia conforme alla normativa vigente.
  1. Maggiore formazione: non si tratta solo di hardware, le aziende devono anche educare l’utente finale che in ultima analisi è il responsabile dell’utilizzo dei dati aziendali e, con tutta probabilità, li tratterà con cura se si sente investito di questo ruolo.

Il dipartimento IT è nella giusta posizione per guidare questo trend verso la mobility e supportare i più recenti dispositivi wearable che attirano così tanto l’attenzione del mondo consumer. Fare le giuste scelte architetturali è fondamentale come punto di partenza, sia in termini di utente, che di servizi offerti e di gestione e controllo del dispositivo.

Leggi anche:  Cisco Italia, al via la Green & Blue Marathon per la sostenibilità

Gli utenti devo avere un solo punto di accesso in sicurezza a tutte le applicazioni, i file, gli strumenti social e online di cui hanno bisogno, da qualsiasi dispositivo, ovunque. Prendere la strada del Mobile Cloud consentirà alle aziende di governare e monitorare l’accesso ai dati, fornendo al tempo stesso una maggiore opportunità di proteggere quei dati.

Con gli strumenti giusti e le soluzioni appropriate, è tempo di passare ai dispositivi wearable, di adottare strategie Mobile First e iniziare a raccoglierne i frutti. L’Apple Watch è solo l’ultima moda. Le aziende non devono solo pensare ai dispositivi che sono trend oggi, ma pensare al futuro, perché la tecnologia ha ormai spostato in avanti i confini della mobility.