L’Isis minaccia in un video i CEO di Facebook e Twitter

Isis facebook twitter terrorismo jack dorsey mark zuckerberg

L’Isis ha minacciato di morte Mark Zuckerberg e Jack Dorsey dopo la cancellazione di vari account social legati al terrorismo

Si inasprisce la battaglia digitale tra l’Isis e le aziende del web. Lo Stato Islamico ha realizzato un video di 25 minuti in cui minaccia di morte Jack Dorsey e Mark Zuckerberg, rispettivamente CEO di Twitter e Facebook. I terroristi affermano che “crivelleranno di colpi” i due manager se continueranno a essere cancellati i loro account sulle due piattaforme social.

“Se chiudete un account ne apriremo altri 10 e presto i vostri nomi saranno eliminati dopo che avremo cancellato i siti, voglia Allah, e saprete che è vero”, si legge nel testo sovrapposto alle immagini dei due CEO puntellate da alcuni fori di proiettile. Nel filmato l’Isis afferma di possedere oltre 10mila profili e 150 gruppi Facebook oltre a 5mila account Twitter. Il sito di microblogging ha annunciato che non risponderà al video perché il suo CEO è già stato minacciato altre volte.

Da qualche tempo le aziende del web hanno preso parte alla battaglia contro l’Isis cancellando decine di migliaia di contenuti legati al gruppo terrorista. Telegram, Twitter, Google, Facebook e altre società hanno dato un colpo alla macchina propagandistica dello Stato Islamico e la conferma arriva proprio da questo video. Anche Anonymous ha preso parte alla battaglia contro il terrorismo e ha dichiarato di essere molto vicina ai vertici dell’organizzazione.

Leggi anche:  eBay scommette sugli NFT acquisendo KnowOrigin