Microsoft brevetta il suo assistente domestico

Microsoft ha progettato un dispositivo che permetterà di effettuare videoconferenze in HD in qualsiasi luogo

Da tempo si parla della possibilità che Microsoft voglia fare il suo debutto nell’ambito dei dispositivi connessi per la domotica e a luglio l’azienda di Redmond ha infatti depositato un brevetto che tratta proprio di questa tecnologia. La soluzione di Microsoft non dovrebbe però essere diretta concorrente di Amazon Echo e Google Home in quanto sembra improntata maggiormente sul lato business.

Nel brevetto viene descritto un altoparlante smart con funzioni di videoconferenza avanzata. Il design cilindrico ricorda molto quello di Echo ma al suo interno integra un sistema di proiezione e una webcam in grado di gestire immagini 3D in modo simile a quelle utilizzabili con Windows Hello. La tecnologia di Microsoft, che non sembra particolarmente preoccupata per quanto riguarda la distribuzione di Hololens, consentirà di avere sempre a portata di mano un proiettore per videoconferenze con la possibilità di accedere a funzioni avanzate tramite il dialogo con Cortana. Le immagini in HD verranno trasmesse sui muri e si parla anche di una possibile integrazione delle videochiamate, probabilmente via Skype. Il dispositivo potrà essere anche connesso a un PC o installato a parete.

Trattandosi di un brevetto, non vi è la certezza che il dispositivo verrà effettivamente realizzato ma è chiaro come Microsoft voglia imporre il suo dominio su tutta l’area business. Si vocifera infatti che anche il tanto atteso Surface Phone integrerà servizi dedicati principalmente ai professionisti.

Leggi anche:  Digito ergo sum: breve storia degli strumenti di calcolo e gestione dati. Prima puntata