Gli editori abbandonano Instant Articles

Facebook Instant Articles

Alcuni importanti gruppi editoriali hanno deciso di lasciare la piattaforma di Facebook perché poco remunerativa

Facebook nel 2015 ha lanciato Instant Articles, una nuova piattaforma pensata per aiutare gli editori a creare contenuti più attraenti. Tra le funzioni principali del servizio ci sono la possibilità di pubblicare gli articoli direttamente sul social network e una più veloce apertura delle pagine. Col tempo la piattaforma si è evoluta aprendosi a tutti gli editori e diventando disponibile anche su Messenger. A due anni dal lancio di Instant Articles è arrivato il momento di fare un bilancio e sembra che la piattaforma non abbia rispettato le attese dei media.

Diversi grandi gruppi editoriali avrebbero deciso di abbandonare Instant Articles e il motivo è molto semplice, i guadagni sono inferiori alla condivisione classica. Tra i grandi quotidiani delusi c’è anche il New York Times, che è stato tra i primi sostenitori del servizio. La testata USA ha condotto alcuni test e ha scoperto che i lettori che visitano il suo sito ufficiale sono più invogliati ad abbonarsi rispetto a quelli che accedono agli articoli direttamente da Facebook. Anche altre grandi realtà come Hearst (Cosmopolitan, Esquire), Forbes e Quartz sembrano intenzionate a lasciare la piattaforma mentre Codé Nast (Vogue, GQ, Vanity Fair, Ars Tecnhica) vorrebbe seguire l’esempio ma solo per valorizzare i suoi canali rispetto ai social network.

Il NYT così come le altre testate si riservano comunque il diritto di ritornare a pubblicare tramite Instant Articles e Facebook si è quindi subito messa al lavoro per accontentare le loro richieste. L’azienda di Menlo Park non è tanto indirizzata ad aumentare le quote per il “pay per click” quanto ad aggiungere nuove funzioni come bottoni per iscriversi alle newsletter o per mettere “like” alle pagine delle testate. Facebook starebbe valutando anche abbonamenti gratuiti di prova e annunci pubblicitari per invogliare il download delle app ufficiali dei quotidiani.

Leggi anche:  Twitter rilancia la sua funzione di verifica pubblica