Google rivoluziona l’ad block su Chrome

Google testa una funzione che consentirà agli editori di proporre agli utenti che utilizzano l’ad blocking di pagare per eliminare la pubblicità

Da diverso tempo si vocifera che Google voglia introdurre un sistema di ad blocking proprietario all’interno del proprio browser Chrome. L’obiettivo di Big G è quello di ridurre il download di estensioni che bloccano la pubblicità di aziende terze e spingere gli utenti a restare sul proprio navigatore eliminando in automatico gli annunci fastidiosi e illeciti. La pubblicità è la prima fonte di guadagno per l’azienda di Mountain View ma può diventare un problema in alcuni casi. Nel 2016 il software Ad Blocker Plus ha annunciato di aver raggiunto oltre 100 milioni di utenti attivi nel mondo e non tutti gli annunci che cancella sono necessariamente ritenuti poco consoni da Big G, che per un errore di valutazione ha reso più vulnerabile il proprio browser.

Oggi si scopre che Google ha rilasciato in fase beta un nuovo strumento per gli editori che gli consente di personalizzare i messaggi da proporre a coloro che utilizzano un ad blocker. La nuova opzione chiamata “Funding Choises” permette di proporre agli utenti due alternative. Questi possono disabilitare il software che attualmente utilizzano o pagare per vedere i contenuti che desiderano senza spot invasivi. Al momento la funzione è disponibile in tutto il Nord America, Regno Unito, Germania, Australia e Nuova Zelanda ma se la sperimentazione andrà come spera Google è probabile che verrà estesa anche ad altre nazioni. Lo stesso Sridhar Ramaswamy, Vice President di Ads&Commerce di Google, ritiene che “questi cambiamenti garantiscano a tutti i creatori di contenuti, grandi e piccoli, di continuare ad avere una maniera sostenibile per finanziare il proprio lavoro con la pubblicità online”. Molti editori quindi sono felici del cambiamento ma allo stesso tempo sono dubbiosi riguardo ai criteri scelti da Google per determinare se un annuncio sia da cancellare o meno.

Leggi anche:  Il nome di dominio di Google Argentina acquistato per poco più di 2 euro