Ecco GLAS, la risposta di Microsoft a Nest

Arriverà presto il primo termostato intelligente di Redmond che funziona con Cortana. Lo ha realizzato insieme alla Johnson Control

E chi lo avrebbe mai detto? Anche Microsoft si lancia nel campo della smart home. Lo fa con Glas, un termostato connesso che sfrutta l’intelligenza artificiale di Cortana. Esteticamente l’oggetto ricorda molto il primo dispositivo della serie Nest, nome di riferimento nel particolare ambito di interesse. La differenza è che quello di Redmond è un prodotto nativamente integrato con la piattaforma Windows, visto che si può gestire tramite Cortana anche in remoto. Certo, anche Nest ha applicazioni dedicate per i comandi fuori casa ma la potenzialità di poter dire al computer (o allo smartphone/tablet Windows 10) “accendi i riscaldamenti” semplicemente attivando con la voce l’AI è un vantaggio non da poco. Nel concreto, l’idea di Microsoft è di costruire un ambiente domestico e professionale intelligente che non abbia bisogno di app terze per funzionare ma che si basi semplicemente sul framework di utilizzo già esistente.

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=WQ0FZrc2lRA”]

Come è fatto

Per costruire Glass, Microsoft si è avvalsa della collaborazione di Johnson Controls, azienda leader nel settore della tecnologia diversificata. L’hardware di bordo, di cui non si hanno i dettagli, gira su Windows 10 IoT Core, la stessa versione del sistema operativo che la multinazionale di Redmond dedica ai progetti Internet delle Cose (tra cui anche il Raspberry). La sensazione è che il team lo abbia mostrato in anticipo sull’effettiva produzione per alzare l’interesse sulla distribuzione ad-hoc che permetterà di realizzare tanti altri oggetti connessi, tra cui frigoriferi, forni e sensori domestici, proprio come quelli attualmente in vendita ma con il beneficio di un unico OS di base e dunque di una maggiore integrazione e comunicazione tra i device. Non sappiamo ancora se e quando Glas verrà messo in vendita ma è chiaro che Microsoft abbia tutto l’interesse nel monetizzare il suo concept, destinato a un pubblico variegato e non di soli appassionati.

Leggi anche:  Le previsioni di Pure Storage per il 2021