Con l’androide Robutt, il sedile della nuova Ford Fiesta è più resistente che mai

Robutt ford fiesta

Ford è, oggi, in grado di sapere con certezza che il comfort dei sedili di nuova Fiesta durerà per sempre, grazie all’utilizzo di Robutt, l’androide creato per simulare i movimenti dei diversi passeggeri seduti nell’automobile

Come fa Ford a sapere se i sedili della nuova Fiesta resisteranno per tutta la vita dell’automobile? Oggi, può saperlo con certezza, grazie ai test condotti con l’utilizzo di Robutt, l’androide creato per simulare i movimenti dei diversi passeggeri seduti nell’auto.

Durante i test di sviluppo, gli ingegneri Ford utilizzano i glutei meccanici di Robutt, abbinati a un metodo di mappatura della pressione, per monitorare con un modello perch pattern, il comfort e la resistenza all’usura dei materiali.

In questo video è possibile vedere Robutt all’opera

[ot-video type=”youtube” url=”https://youtu.be/WlK1rbpuyAA”]

“Fin dal primo momento in cui saliamo a bordo di un’automobile, è il sedile a trasmetterci, immediatamente, l’impressione relativa al comfort e alla qualità”, ha dichiarato Svenja Froehlich, Durability Engineer, presso la sede europea di Ford a Colonia, in Germania. “In precedenza utilizzavamo dei cilindri pneumatici chesi muovevano, semplicemente,  dall’alto al basso. Grazie a Robutt, ora siamo in grado di ricreare con precisione, le reali movenze delle persone”.

Robutt, che ha come parametri di riferimento la corporatura di un uomo di media statura, durante i test di collaudo, si è seduto ben 25.000 volte sui sedili della nuova Fiesta, l’equivalente di dieci anni di guida in sole tre settimane. L’androide sarà, presto, utilizzato anche per i collaudi degli altri modelli europei di Ford.

Leggi anche:  Cos’è il test visivo di Turing che Meta vuole superare