Viaggia su altri pianeti con Google Maps

google maps spazio

Google Maps offre le mappe di 16 corpi celesti del Sistema Solare anche se con qualche errore

Fra pochi anni potremo volare nello spazio come semplici turisti ed è quindi arrivato il momento di informarsi sulle mete più interessanti da visitare. Google Maps questa volta ha alzato gli occhi al cielo rendendo disponibili le mappe di ben 16 corpi celesti tra lune e pianeti del Sistema Solare. La novità, annunciata in una nota sul blog ufficiale del servizio, è arrivata per festeggiare il ventunesimo anniversario del lancio della sonda spaziale Cassini, a cui ad aprile era stato dedicato anche un doodle.

Gli utenti potranno quindi viaggiare su Marte, Venere e le lune di Giove o Saturno restando comodamente seduti sul divano o fissando il proprio smartphone. Google Maps consente di esplorare le pianure ghiacciate di Encelado, il luogo in cui Cassini ha trovato la presenza di veri e propri mari, i laghi di metano di Titano o il cratere Mimas di Marte, sogno neanche troppo proibito del fondatore di Tesla Elon Musk.

C’è però un piccolo problema, le mappe non sono proprio accurate. Emily Lakdawalla, Senior Editor della fondazione Planetary Society, e altri scienziati hanno sottolineato su Twitter alcuni gravi errori fatti da Google Maps. La Valles Marineris è ad esempio segnalata in un luogo diverso di Marte ma ci sono anche errori nelle cartine di Ganimede, Dione, Rhea, Europa e Titano. Big G ha comunque fatto tesoro delle critiche e in questo momento sta provvedendo a correggere le mappe.

Leggi anche:  LEGO Group e Nintendo insieme per dare vita a nuove esperienze di gioco