Una innovativa soluzione Fujitsu per la sanità, aiuta a velocizzare il recupero dei pazienti

Fujitsu ha collaborato con il Gait Expertise Center della clinica olandese Sint Maartenskliniek per tracciare il processo di riabilitazione monitorando i movimenti dei pazienti

I sensori human-centric di Fujitsu sono utilizzati per aiutare a velocizzare il processo di riabilitazione dei pazienti di una clinica olandese altamente specializzata. Un programma pilota di sei mesi condotto presso la Sint Maartenskliniek di Nimega sfrutta infatti la tecnologia avanzata dei dispositivi Internet of Things (IoT) indossabili di Fujitsu per seguire il percorso di riabilitazione di 50 pazienti impegnati a recuperare le proprie facoltà motorie.

I pazienti indossano sensori intelligenti che acquisiscono i dati relativi a movimento, equilibrio e altri parametri vitali caricandoli sul cloud. I medici del Gait Expertise Center della Sint Maartenskliniek possono così seguire da remoto i progressi compiuti dai pazienti nel corso delle cure.

I partecipanti al progetto pilota IoT di Fujitsu vengono monitorati costantemente nell’arco delle ventiquattr’ore, prima in clinica e poi a casa, durante tutto il percorso di riabilitazione. I sensori applicati sul corpo vengono periodicamente inseriti in una base che scarica i dati relativi ai movimenti sincronizzandoli con il cloud. I medici della Sint Maartenskliniek accedono quindi ai dati per seguire a distanza i progressi dei pazienti. I sei mesi del progetto pilota, iniziato a ottobre 2017, puntano a velocizzare i tempi di recupero e migliorare i risultati clinici aumentando nel contempo il comfort dei pazienti nel corso della riabilitazione.

Il Gait Expertise Center della Sint Maartenskliniek assiste i pazienti alle prese con una varietà di problemi legati all’equilibrio e alla mobilità. La clinica fa grande affidamento sulla Gait Analysis, o analisi del passo, che indica l’efficacia con cui i muscoli del paziente lavorano insieme durante il movimento. Questa informazione permette al team incaricato della riabilitazione di identificare la causa sottostante di qualsiasi problema e monitorare i progressi dei pazienti durante il trattamento.

Leggi anche:  EOS guida il mondo verso la produzione sostenibile con la stampa 3D industriale

Una nuova tecnologia Fujitsu fornisce nuova mobilità ai pazienti in riabilitazione

I pazienti indossano sensori di movimento portatili applicati alle caviglie o ai polsi. Questi sensori includono un accelerometro che ricava misurazioni tridimensionali molto accurate del movimento. A differenza degli approcci tradizionali, la clinica può così monitorare i suoi pazienti su base 24/7 indipendentemente da dove essi si trovino, e può addirittura seguirli nel corso degli esercizi ottenendo un prezioso patrimonio di dati diagnostici.

Sensori connessi al cloud applicati sotto i letti forniscono un quadro dettagliato delle abitudini del sonno e tengono sotto controllo i parametri vitali come il battito cardiaco e la respirazione. Questi dati supplementari aiutano i medici a ottenere un quadro del benessere e dei progressi di un paziente nel corso di un periodo prolungato, non solo in concomitanza con le visite di controllo.

Noël Keijsers, Senior Researcher del Gait Expertise Center della Sint Maartenskliniek, ha dichiarato: “Per questo progetto pilota abbiamo selezionato pazienti infartuati e con danni parziali alla spina dorsale; il quadro completo e dettagliato del loro benessere e la possibilità di monitorarne i progressi su base 24/7 faranno una differenza significativa nella qualità delle cure che siamo in grado di prestare, aiutandoli a rimettersi in piedi molto più velocemente. Ci aspettiamo che questa soluzione possa sostituire buona parte delle analisi del passo effettuate dai nostri fisioterapisti. Inoltre, la nuova soluzione sta cambiando la vita dei pazienti in riabilitazione consentendo di effettuare il recupero a casa propria, mentre noi possiamo seguirne i progressi”.

James Maynard, Offering Management Director, IoT & Innovation della Innovative IoT Business Unit di Fujitsu, ha commentato: “Lavorando a stretto contatto con il team della Sint Maartenskliniek abbiamo potuto co-creare una soluzione economicamente conveniente, di facile implementazione e per nulla intrusiva. Alla sua base, questo nuovo sistema è progettato per essere human-centric: sfrutta tecnologia indossabile e aiuta a migliorare la vita sia dei gruppi di riabilitazione che dei loro pazienti. Il team medico può accedere a informazioni dettagliate che non solo aumentano la comprensione delle condizioni dei pazienti, ma ne tengono sotto controllo il benessere 24/7. Questo permette ai pazienti di recuperare più rapidamente che mai”.

Leggi anche:  AI e matchmaking, «la chimica» delle relazioni