Retelit è connessa agli Internet eXchange d’Italia con il servizio di Remote Peering

IoT Connect Anywhere di Orange Business Services
Orange Business Services fa accelerare l'Internet of Things in azienda con IoT Connect Anywhere

Maggiore velocità di trasmissione e ottimizzazione dei costi, questi i vantaggi del servizio di Remote Peering di Retelit che entro l’anno sarà esteso anche a tutta l’Europa

Retelit sfruttando la capillarità della propria rete in fibra ottica sul territorio nazionale e le partnership già attive con tutti i punti di interscambio della penisola, annuncia il lancio del servizio di Remote Peering verso i principali Internet eXchange italiani, tra cui:

–          Milan Internet eXchange (MiX)

–          Nautilus Mediterranean eXchange (NaMeX)

–          TOrino Piemonte Internet eXchange (TOP-IX)

–          VSIX Nap del Nord Est

Grazie alla rete di Retelit e alla soluzione di Remote Peering i clienti di Retelit potranno raggiungere gli IX (Internet eXhange) ad alta velocità e bassa latenza.

I clienti Retelit – operatori internazionali e non e le 19 aziende all’interno del Consorzio AAE-1 -, possono, in questo modo, espandere facilmente la loro presenza in Italia raggiungendo tutti i principali punti di interconnessione della penisola affidandosi a un unico fornitore e riducendo così i costi di trasporto fino ai punti di interscambio.

Service Provider, Operatori e OTT possono, inoltre, andare oltre i confini italiani e, sfruttando la rete internazionale di Retelit, connettersi ai principali PoP europei (tra cui Parigi, Londra, Francoforte, Amsterdam) ed estendere il loro footprint anche al Middle East e all’Asia grazie al cavo AAE-1.

“Collegare i nostri clienti agli Internet eXchange italiani grazie alla soluzione di Remote Peering è solo il primo passo di una strategia molto più ampia”, aggiunge Federico Protto, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Retelit. “Prevediamo, infatti, entro il 2018 di fare lo stesso con i principali punti di interscambio in Europa, dove peraltro siamo già attivi con dei PoP (Punti di Presenza). Intendiamo creare un ecosistema di connessioni che permetta agli operatori, agli OTT e ai Service Provider di crescere e penetrare sul territorio. Grazie alla nostra rete di proprietà in Italia, i nostri clienti possono raggiungere – oltre agli IX – anche la Sicilia dove siamo presenti all’interno degli hub di telecomunicazioni Open Hub Med e Sicily Hub e Bari, snodo cruciale per il traffico da e verso l’Asia e cable landing station del sistema di cavo sottomarino in fibra AAE-1. Tutti questi elementi confermano ancora di più la nostra centralità nell’ecosistema delle telco e degli internet providers non solo italiano. In questo scenario caratterizzato dalla crescita contestuale di economia digitale e di traffici di dati a livello globale, una rete con un’impronta internazionale diviene il requisito fondamentale dello sviluppo”.

Leggi anche:  Forum The European House - Ambrosetti: grazie a Cisco, fisico e digitale si fondono dando vita una nuova modalità di incontro

A livello tecnico il servizio di Remote Peering consente lo scambio di traffico internet tra reti, senza la necessaria presenza fisica all’interno dei punti di interscambio, ma sfruttando una rete MPLS – Multiprotocol Label Switching – messa a disposizione dal service provider, come Retelit, che collega il cliente agli IX di interesse.

“La soluzione di Remote Peering permette di abbattere i costi di trasporto e di colocation in favore di un servizio economicamente più vantaggioso, flessibile, sicuro e veloce”, commenta Luca Cardone, Marketing Manager di Retelit. “I nostri clienti, infatti, dovranno sostenere esclusivamente i costi relativi al traffico di cui hanno realmente bisogno e il service provider diverrà per loro un unico punto di contatto e di riferimento. Tutto ciò si traduce in una consistente riduzione degli oneri e delle attività burocratiche verso gli Internet eXchange e nel beneficio di avere, inoltre, un unico SLA end-to-end”.