Snapchat ha un problema con i VIP

rihanna snapchat

Rihanna ha criticato un gioco presente su Snapchat affermando che fomenta la violenza domestica. L’app per un post della cantante ha perso 800 milioni di dollari

Snapchat è tra le app preferite dai millennial (molto più di Facebook) ma pare proprio che le star non siano d’accordo. Il software di messaggistica ha infatti avuto nuovamente problemi con un VIP che gli è costato una perdita in Borsa da capogiro e questa volta si tratta di un nome conosciuto da tutti.

Questo giovedì la cantante Rihanna ha criticato apertamente un gioco presente su Snapchat in cui si alludeva alle percosse da lei subite nel 2009 da parte dell’ex compagno Chris Brown durante una lite. La popstar ha ritenuto che questo tipo di contenuti possa pubblicizzare la violenza domestica e ha espresso tutto il suo sdegno in un post su Instagram. Snapchat, che sta lavorando alla seconda generazione degli occhiali per la realtà aumentata Spectacles, si è immediatamente scusata con Rihanna e ha sottolineato che il gioco in questione violava le sue linee guida e che quindi è stato immediatamente rimosso.

“Bene, voi di Snapchat, sapete già di non essere tra le mie app preferite. Ma ora sto cercando di venire a capo della questione. Mi piacerebbe parlare di ignoranza, ma so che non siete tanto stupidi. Avete buttato soldi per dar vita a qualcosa che avrebbe volutamente umiliato le vittime di violenza domestica, ridicolizzandole. […] Ci avete deluso, vergognatevi. E non provate a chiedere scusa”, ha scritto la cantante.

Molti altri VIP e fan di Rihanna si sono schierati dalla sua parte eliminando il proprio account. La protesta ha causato a Snapchat un danno economico non indifferente. Questo giovedì i suoi titoli a Wall Street sono calati del 5% pari a una perdita di 800 milioni di dollari. Settimana scorsa l’app di messaggistica si era vista sfilare dalle tasche quasi 1,3 miliardi di dollari a causa di un tweet di Kylie Jenner in cui criticava il restyling dell’interfaccia.

Leggi anche:  I dipendenti Apple criticano il ritorno in ufficio