Facebook si riorganizza e punta sulla blockchain

facebook nuovo news feed

Facebook riorganizza la sua struttura concentrandosi su tre aree: app, nuove piattaforme (si parla anche di blockchain) e servizi trasversali

Lo scandalo Cambridge Analytica ha scosso Facebook fin dalle fondamenta. I problemi legati alla privacy di milioni di utenti hanno quindi costretto il CEO Mark Zuckerberg ad avviare la più importante riorganizzazione aziendale da quando esiste il social network. Come riporta il sito Record, la società di Menlo Park si ristrutturerà sulla base di tre asset principali: le app, la parte dedicata alle nuove piattaforme e quella che gestirà pubblicità, analisi dei dati e Management.

La prima area che comprende le app di Facebook, Instagram e WhatsApp sarà diretta dal CPO Chris Cox che farà riferimento direttamente a Zuckerberg. Il social network fotografico rimane al fondatore Kevin Systrom mentre l’app di messaggistica sarà gestita da Chris Daniels dopo l’addio ufficiale di Jan Koum. Stan Chudnovsky, già capo prodotto, si occuperà di Messenger mentre Will Cathcart, che lavora con Zuckerberg quasi dagli esordi, dirigerà le attività di Facebook.

L’azienda di Menlo Park come altri grandi big del settore hi-tech si occuperà anche di blockchain. La divisione dedicata a questa tecnologia sarà capitanata da David Marcus, che prima di occuparsi di Messenger è stato vice presidente di PayPal oltre a risiedere nel CdA di Coinbase. Kevin Weil, fino ad oggi vice presidente per il prodotto di Instagram, lavorerà a stretto contatto con Marcus. Il suo posto sarà preso da Adam Mosseri, l’uomo che negli anni si occupato dello sviluppo della News Feed di Facebook. Il CTO Mike Schcroepfer sarà il numero uno dell’area dedicata alle novità, blockchain compresa. Infine, la divisione “Central product services”, che si occuperà di vari servizi comuni a tutte le piattaforme sotto l’egida di Facebook, sarà affidata a Javier Olivan, oggi vicepresidente per la Crescita.

Leggi anche:  Customer Experience: 5 modi per migliorarla secondo Esendex