L’innovazione nel colore secondo Ricoh

L’azienda, in occasione di Print4All, ha presentato soluzioni per la stampa professionale pensate per consentire agli utenti di ampliare le applicazioni da loro offerte

L’innovazione nel settore della stampa professionale è stata protagonista presso lo stand di Ricoh, a Print4All, evento organizzato a Fiera Milano Rho tra il 29 maggio e il 1° giugno. L’innovazione, secondo Ricoh, passa anche dalla dimensione del colore. La quadricromia, infatti, non sempre basta alle esigenze di stampa di oggi; per differenziarsi, ed essere creativi, servono colori speciali. La filosofia Ricoh “The Power of Colour” ha portato, presso lo stand ispirato al Padiglione Breda ideato per la fiera campionaria di Milano del 1952, le potenzialità che bianco, clear, neon yellow, neon pink e invisible red offrono al mondo del printing e della comunicazione.

Ricoh Pro C9210

Dal punto di vista tecnologico, per la prima volta è stata presentata al mercato italiano Ricoh Pro C7200X, soluzione foglio singolo dotata della quinta stazione colore, pensata per i professionisti della stampa che vogliono ampliare le applicazioni offerte. Ricoh Pro C7200X integra una nuova funzionalità per la stampa del bianco e del CMYK in un singolo passaggio per un maggiore impatto, per esempio su supporti colorati. Il toner pink neon, il toner bianco e il giallo neon, accanto al toner invisible red, studiato per applicazioni in area sicurezza e logistica, completano la gamma di possibilità.Oltre a questa soluzione è stata presentata anche la nuova Pro C9200 progettata per offrire produttività e qualità per volumi elevati. Il modello Ricoh Pro C9210 si distingue per tecnologia laser, risoluzione da 2400×4800 dpi, produttività di 8100 fogli/h (135 ppm) e Duplex automatico fino a 1030 mm. La soluzione usa supporti di stampa da 60 a 470 gr/m2 ed è utilizzabile con un formato carta da 330 x 1260 mm. Inoltre dispone di strumenti di controllo in linea per la stabilità dei colori e il registro b/v.

Leggi anche:  Triennale Milano sceglie Epson per la nuova area Education

Ha trovato spazio presso lo stand anche Pro T7210, soluzione di industrial decoration per la stampa su materiali rigidi e pesanti come vetro, legno, acciaio, composti di alluminio. Pro T7210 integra la tecnologia di stampa proprietaria di Ricoh ed è dotata di 12 teste di stampa industriali a goccia variabile della serie Ricoh MH54, che puntano su elevata produttività e affidabilità nella gestione del getto d’inchiostro UV. Da segnalare anche Ricoh Ri 3000 (Direct to Garment) per la stampa diretta su capi d’abbigliamento quali t-shirt, felpe, maglie e calze in materiali quali cotone, poliestere leggero e misto poliestere-cotone. La soluzione integra teste di stampa piezoelettriche Ricoh. Il software AnaRIP consente il totale controllo delle impostazioni di stampa e la stima dei costi. La soluzione include un sistema di circolazione automatica dell’inchiostro che aumenta le prestazioni. La produzione può essere gestita con facilità, grazie a un pannello operativo touch-screen da 7”.Ricoh commercializza i propri prodotti sia in modo diretto sia tramite canale indiretto, in base alla tipologia di modello.

Dimostrazione Ricoh Pro C7200X

Un mercato in costante evoluzione

«Per i fornitori di servizi di stampa che vogliono restare competitivi in un mercato in costante cambiamento come quello del printing è importante essere sempre aggiornati e al passo con le nuove tendenze» – ha commentato Giorgio Bavuso, direttore commercial and industrial printing di Ricoh Italia. Il corretto abbinamento di tecnologie, materiali e colori può fare la differenza, portando a risultati innovativi.«Questa fiera» – ha proseguito Bavuso, «è un momento strategico; macchine come la Ricoh Pro C7200X e la Ricoh Pro C9200 consentono agli utenti di fare un salto di qualità rispetto a quanto disponibile finora». Nel corso di Print4All Ricoh ha anche previsto momenti di incontro e confronto per consentire ai visitatori di conoscere, grazie a esperti del settore, i più recenti trend del printing e della comunicazione visiva.

Leggi anche:  Apple rende più semplice riparare gli iPhone presso terze parti