Il Galaxy Watch compare online

Samsung USA avrebbe pubblicato, per errore, la versione Rose Gold del nuovo orologio, che verrà presentato a fine agosto a Berlino

Forse c’è malizia, forse solo un errore umano. Sta di fatto che sul sito di Samsung Mobile USA è comparso, solo per poco, un Galaxy Watch da 42 mm in versione Rose Gold. Si tratterebbe della declinazione femminile del prossimo orologio che la casa coreana dovrebbe presentare all’IFA di Berlino, durante le giornate pre-fiera di fine agosto, dedicate alla stampa. Seppur non siano state pubblicate specifiche tecniche del prodotto, quel che si legge aiuta già a fare un paio di ipotesi verosimili.

La prima: se c’è un modello da 42 mm vuol dire che ve ne è anche un altro con taglio diverso, altrimenti non ci sarebbe stato motivo di scriverlo per differenziarlo. La seconda: il Galaxy Watch troppo frettolosamente condiviso sul web ha l’indicazione Bluetooth, che fa pensare all’eventualità che ve ne sarà anche una LTE+Bluetooth, volendo distinguere la sola comunicazione con lo smartphone con la possibilità di invio e ricezione dati, anche telefonate, in maniera indipendente.

Cosa sappiamo

Detto ciò, sotto lo schermo del Galaxy Watch, a questo punto previsto in dimensioni da 1,9 pollici e 1,3 pollici, ci sarà il chip Exynos 7 Dual 7270 di Samsung e una batteria da 470 mAh. Nel merito delle funzioni aggiuntive, non mancherà la misurazione del battito cardiaco, già presente oggi sui Gear S3, e quella della pressione sanguigna, all’interno di quella che si preannuncia come una nuova esperienza di interazione con l’interfaccia utente.

Il paradosso è che, ad oggi, non si sa ancora che sistema operativo avremo a bordo. Se fino a qualche tempo fa pareva certa la presenza del casalingo Tizen OS, negli ultimi giorni si è imposta la teoria del passaggio a Wear OS di Google, anche se suona strano che Samsung lasci andare così lo sviluppo del software a cui ha lavorato per anni solo per rendere lo smartwatch uno dei tanti con piattaforma di Big G.

Leggi anche:  Vertiv collabora con Tech Consortium per guidare lo sviluppo delle celle a combustibile a basse emissioni di carbonio per i data center

[amazon_link asins=’B01LF0T51I,B076CMF7NJ,B07612KLYX’ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’83206347-90b8-11e8-8931-93eee64c3cea’]