Magic Leap One è più vicino

Magic Leap 2 arriverà entro la fine dell’anno

Il produttore ha promesso di mostrare in settimana una demo live di ciò che saranno in grado di fare gli occhialini, la cui versione per sviluppatori sarà distribuita entro l’anno

C’è molta attesa intorno ai Leap One, gli occhialini di mixed reality che Magic Leap ha in cantiere oramai da un po’. Forse per riaccendere l’interesse intorno all’oggetto, il produttore ha promesso che in settimana mostrerà una demo vera di ciò che gli aggeggi possono fare, probabilmente attraverso un webcast trasmesso dagli Stati Uniti, dove c’è il quartier generale.

Durante la sessione di questi giorni, Magic Leap dovrebbe anche svelare le caratteristiche tecniche del prodotto che, già dall’apparenza, si distingue nettamente da gadget simili, come gli Hololens. L’appuntamento è online l’11 luglio, per seguire live dal canale YouTube della compagnia la trasmissione in streaming.

Cosa sappiamo

I Leap One sono certamente un device interessante anche perché sinora si conosce davvero poco a riguardo. In un’era pervasa dal un flusso continuo di informazioni online, è stato davvero difficile mantenere il riserbo sugli occhialini, tanto da renderli oggetti quasi di culto da parte degli appassionati di realtà miste. A differenza delle soluzioni AR più convenzionali, pare che la tecnologia di Magic Leap sia in grado di sovrapporre oggetti del mondo reale con trame virtuali, in modalità continua, ottenendo interazioni più intuitive e naturali.

Varie agenzie hanno già messo le mani sul kit Developer Version che, stando alle tempistiche, dovrebbe arrivare in maniera più ampia entro la fine del 2018, ma nessuno può divulgare nulla prima di un via libera ufficiale da parte del produttore. Difficile dire quando, e se, ci sarà mai una Consumer Edition, ma i tempi sembrano ancora acerbi per una rivoluzione casalinga del genere, se non a prezzi abbordabili per la massa. Il che è assai improbabile.

Leggi anche:  Secondo Intel il metaverso richiede un aumento di 1000 volte l’attuale potenza di calcolo