Boston Dynamics rende open-source la tecnologia di sviluppo robot

Boston Dynamics rende open-source la tecnologia di sviluppo robot

Con la volontà di supportare la lotta degli ospedali al Coronavirus, la compagnia permetterà di adattare i robot alle esigenze mediche

Nel recente passato abbiamo visto il robot Spot di Boston Dynamics camminare, correre, ballare e aprire le porte. Ora, la società gli ha assegnato un compito più importante durante la pandemia di Coronavirus: la telemedicina. In questa nuova veste, un iPad montato sulla macchina consente agli operatori sanitari di comunicare in remoto con i pazienti, risparmiando tempo, riducendo l’esposizione e preservando i dispositivi di protezione individuale (DPI). L’applicazione appena sviluppata è già in fase di sperimentazione presso il Brigham and Women’s Hospital in Massachusetts. Ma è solo l’inizio: Boston Dynamics ha affermato che sta realizzando rendendo open source parte della progettazione hardware e software, per consentire lo sviluppo di soluzioni che combattano il Covid-19.

I robot per preservare i medici

«Abbiamo sviluppato payload, hardware e software per le applicazioni, in modo che siano aperte e implementate su altre piattaforme robotiche mobili con API personalizzate. Condividiamo i risultati del nostro primo lavoro di distribuzione del robot con il Brigham and Women’s Hospital in Massachusetts, per dimostrare come è possibile portare questi oggetti sul campo e l’utilità che promettono di trasferire. La nostra speranza è che questi strumenti possano consentire a sviluppatori e tecnici di integrare rapidamente le macchine in portafoglio, al fine di ridurre i rischi per il personale medico».

L’azienda sta inoltre esplorando i modi per misurare da remoto la temperatura, la frequenza respiratoria, la frequenza del polso e la saturazione di ossigeno tramite Spot. Il tutto attraverso una termocamera e una videocamera RGB montata esternamente sui robot-infermieri. Nelle fasi successive, il team punta a piazzare un accessorio che sprigioni luce UV-C sul retro di Spot per disinfettare ambienti e superfici intorno, particolarmente utile in luoghi come stazioni delle metro e atri degli ospedali.

Leggi anche:  Covid-19: in Italia l’esperimento di supercalcolo più complesso mai realizzato per trovare nuove terapie