Dassault Systèmes aderisce a “Science Based Targets” per la riduzione delle emissioni di gas serra

Un terzo delle principali aziende quotate europee si è impegnato a raggiungere il traguardo del Net-Zero entro il 2050

Dassault Systèmes si unisce ad un gruppo sempre più numeroso di aziende con l’obiettivo comune di contribuire alla riduzione delle emissioni di gas serra entro gli standard dichiarati dagli esperti di climatologia

Dassault Systèmes persegue il suo impegno a favore del pianeta annunciando l’adesione a Science Based Targets (SBTi), un’iniziativa globale che aiuta le imprese a stabilire obiettivi basati sulla scienza per la riduzione delle emissioni di gas serra e trasformare le attività aziendali nell’ottica di una futura economia a basse emissioni di carbonio. Dassault Systèmes definisce quindi la propria tabella di marcia volta a ridurre le proprie emissioni in linea con gli standard definiti dalla climatologia.

Gli obiettivi delle aziende per la riduzione delle emissioni di gas serra sono considerati “basati sulla scienza” soltanto se in linea con le ultime ricerche in materia di climatologia per il raggiungimento degli obiettivi fissati nell’Accordo di Parigi. Questo accordo internazionale mira a rafforzare la risposta globale contro il cambiamento climatico e a limitare il riscaldamento globale a meno di 2 gradi Celsius oltre i livelli preindustriali e perseguire gli sforzi per limitare il riscaldamento a 1,5° C.

Dassault Systèmes riconosce il ruolo fondamentale che il mondo imprenditoriale può svolgere nel mitigare il rischio che il cambiamento climatico rappresenta per il futuro del pianeta. Nel perseguire il suo obiettivo di riduzione delle emissioni basato sulla scienza, Dassault Systèmes fa leva sullo stesso rigore scientifico che applica nella relazione con i suoi clienti per definire come le proprie attività sosterranno l’azione per il clima.

“In qualità di azienda impegnata e basata sulla scienza, per noi è naturale puntare ai più elevati standard di obiettivi di riduzione delle emissioni: l’iniziativa Science Based Targets”, ha affermato Florence Verzelen, Executive Vice President, Industry, Marketing & Sustainability di Dassault Systèmes. “Siamo orgogliosi di unirci alle aziende leader a livello mondiale in questo sforzo, perché crediamo che il cambiamento climatico non sia solo uno dei maggiori rischi per il mondo, ma anche una delle maggiori opportunità nella storia per un’innovazione sostenibile”.

Leggi anche:  IBM rivoluziona il mondo dei chip con tecnologia a 2 nanometri

“Le Nazioni Unite hanno definito questo periodo fino al 2030 come il ‘Decennio per la Realizzazione’ in termini di clima, perché serve un’azione ambiziosa adesso e non tra qualche anno”, ha affermato Alice Steenland, CSO, Dassault Systèmes. “L’iniziativa Science Based Targets è un modo per noi di assicurarci che noi di Dassault Systèmes possiamo fare la nostra parte, sia per quanto riguarda le nostre attività, sia nel momento in cui ci troviamo a supportare i nostri 270.000 clienti nell’adozione di modelli più sostenibili”.

Come parte della sua missione di armonizzare prodotto, natura e vita, Dassault Systèmes fornisce ad aziende di tutte le dimensioni in 11 settori la tecnologia necessaria per creare innovazioni incentrate sull’uomo che affrontano le principali sfide sociali e ambientali contemporanee, oltre a migliorare l’efficienza delle proprie risorse. Ciò ha consentito di sviluppare nuovi trattamenti medici, essere pioniere nel volo ad energia solare e progettare una scultura in grado di assorbire l’inquinamento. Nel 2018, Dassault Systèmes è stata nominata da Corporate Knights come “azienda più sostenibile al mondo”, riconoscendo la sua strategia di sostenibilità olistica che l’azienda porta avanti attraverso un impegno proattivo in iniziative globali per guidare un futuro più sostenibile.